Napoli, condannati figlio e nipote della boss Maria Licciardi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un litigio scaturito da una sconfitta al calcetto aveva avuto conseguenze tragiche nel campetto San Rocco a Chiaiano, quartiere Nord di Napoli.

Durante la rissa tra i componenti di due squadre, avvenuta un anno fa il 3 ottobre, era stato estratto un coltello e tre ragazzi avevano riportato ferite da fendenti. Oggi il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli (gup) ha emesso una sentenza di condanna nei confronti di Gennaro Musella a 5 anni e 4 mesi, e di suo padre Giuseppe Musella a 4 anni e 8 mesi.

Gennaro e Giuseppe sono rispettivamente il nipote e il figlio di Maria Licciardi, la donna boss a capo del clan e ai vertici della famigerata Alleanza di Secondigliano. Secondo quanto emerso durante l’inchiesta, Gennaro avrebbe colpito con un coltello mentre Giuseppe avrebbe incitato e bloccato i feriti. Le prove a carico dei due imputati includono le registrazioni delle telecamere di sorveglianza che hanno ripreso la scena e le foto dei loro profili Facebook.

La sentenza emessa dal gup rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro il crimine organizzato a Napoli. Dimostra che nemmeno i familiari dei boss sono immuni alle conseguenze delle loro azioni violente e che non sfuggiranno alla giustizia.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Messaggi in rete: “Borrelli è grave”, ma è una Fake news. Il deputato: “Sto benissimo”

La diffusione di un messaggio vocale da una chat all'altra nel pomeriggio di oggi ha generato preoccupazione. Una voce maschile annunciava che il deputato napoletano...

Quasi 500 i detenuti minori e giovani adulti in Italia, mai così tanti dal 2012

Il numero complessivo di giovani detenuti nei 17 istituti penali per minorenni presenti nel Paese ammonta a 496, tra cui 13 donne (pari al...

Sant’Anastasia, la giostrina incendiata da tre bambini di 11, 8 e 3 anni: denunciata la mamma

Sembra incredibile eppure è così: ad incendiare la giostrina nel parco comunale di Sant'Anastasia sono stati tre bambini di 11, 8 e 3 anni. Utilizzando...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE