San Gennaro, il santo patrono di Napoli: la storia e il detto “faccia gialla sciogliti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

San Gennaro è il santo patrono di Napoli, e la sua storia è strettamente legata alla città. Nato a Benevento nel 272 d.C., Gennaro fu eletto vescovo di quella città, dove svolse il suo apostolato, amato dalla comunità cristiana e rispettato anche dai pagani.

San Gennaro è il santo patrono di Napoli, e la sua storia è strettamente legata alla città. Nato a Benevento nel 272 d.C., Gennaro fu eletto vescovo di quella città, dove svolse il suo apostolato, amato dalla comunità cristiana e rispettato anche dai pagani.

Il corpo di Gennaro fu poi portato a Napoli, dove fu sepolto nella catacomba di San Gennaro ad Catacumbas. Nel 431 d.C., le sue reliquie furono traslate nella basilica di San Gennaro Maggiore, dove sono conservate ancora oggi.

Il detto “faccia gialla sciogliti”

Il detto “faccia gialla sciogliti” è un modo affettuoso con cui i napoletani chiamano San Gennaro. Il riferimento è al busto del santo, che è d’oro e quindi ha un colore giallastro. Il detto è spesso usato durante la liquefazione del sangue di San Gennaro, che si verifica ogni anno il 19 settembre.

La liquefazione del sangue è un evento che è considerato un miracolo dai fedeli. Il sangue, che è conservato in due ampolle di vetro, si scioglie e diventa liquido. Questo miracolo è visto come un segno di protezione per la città di Napoli.

Il significato del detto per i napoletani

Il detto “faccia gialla sciogliti” ha un significato profondo per i napoletani. È un segno di fede e speranza, e un modo per esprimere la devozione al santo patrono della città.

Il detto è anche un modo per esprimere la speranza di un futuro migliore per Napoli. La liquefazione del sangue è vista come un segno di protezione per la città, e un augurio di buon auspicio per l’anno a venire.

La storia di San Gennaro e il detto “faccia gialla sciogliti” sono parte integrante della cultura napoletana. Il santo è un simbolo di fede e speranza per il popolo napoletano, e il suo culto è un segno di devozione e attaccamento alla città.



Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

telegram

LIVE NEWS

Villa Literno, tra le vittime c’è anche un ex concorrente de Il Collegio

Il 24enne Dimitri Tammaro Iannone originario dell'Ucraina

Napoli, 22enne seduto al bar di Porta Capuana con un revolver: arrestato

Dovrà spiegare al magistrato i motivi del possesso di un revolver mentre si trovava seduto ai tavolini di un bar nei pressi di piazza Capuana il 22enne napoletano arrestato questa notte dai Falchi della Squadra mobile di Napoli. Il giovane ha commesso l'errore di alzarsi e allontanarsi in fretta alla...

CRONACA NAPOLI