Napoli, chiuso a tempo indeterminato il parco Mascagna. Monta la protesta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Cresce il malcontento tra i tanti napoletani per il verde pubblico negato. Ad aggravare la situazione di degrado e d’abbandono contribuisce notevolmente lo stato precario nel quale versano i pochi parchi e giardini pubblici presenti nel capoluogo partenopeo.

Nell’ambito della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, con circa 120mila residenti, oltre al parco della villa Floridiana, dove nei di recente si è registrata la visita a sorpresa del ministro della cultura, Sangiuliano, che ha riscontrato forti criticità nella gestione del parco borbonico, annunciando la creazione del polo autonomo “Musei Nazionali del Vomero”, torna al centro dell’attenzione anche un’altra area a verde pubblico presente sulla collina partenopea, frequentata da tanti bambini accompagnati ma anche da numerose persone anziane.

Si tratta del parco comunale Mascagna, già conosciuto come giardini di via Ruoppolo, uno dei pochi spazi a verde pubblico, a disposizione dei residenti di un’area densamente popolata, a confine tra i due quartieri collinari, che purtroppo, da stamattina, a seguito della disposizione dirigenziale, n. 10731_04 del 07/09/2023, è stato chiuso “fino alla conclusione dell’intervento denominato Riqualificazione del Parco Mascagna.

    A intervenire, ancora una volta, sulle annose vicissitudini del parco comunale in questione è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari: ” Al riguardo – ricorda Capodanno – a febbraio scorso, dunque sette mesi fa, la Giunta Comunale partenopea aveva approvato, con delibera n. 27 del 03/02/2023, il progetto esecutivo per la riqualificazione del parco Mascagna.

    Gli interventi venivano finanziati dal piano strategico Città Metropolitana per un importo di circa 440mila euro, prevedendo, oltre ai lavori per alberature e aree verdi, anche il rifacimento della pavimentazione, degli impianti di illuminazione, di irrigazione e di videosorveglianza.

    Inoltre si sarebbe proceduto alla riqualificazione di tutte le aree gioco con la sostituzione delle giostre esistenti e con la creazione di aree tematiche diversificate tra cui una di sport e fitness, una zona giochi, un orto didattico e un’area cani. Rientravano nel progetto anche interventi ai campi da basket e da bocce, il restauro della fontana, ferma da mesi, trasformata in ricettacolo di rifiuti, e la revisione di arredi, sedute e pensiline. Il parco infine sarebbe stato dotato di indicazioni informative sulle specie arboree esistenti “.

    ” Con l’approvazione del progetto esecutivo – annunciava all’epoca l’assessore comunale al verde pubblico, Santagada – possiamo procedere finalmente alla riqualificazione del parco con le opere necessarie per restituire al quartiere un polmone verde e un’area giochi a beneficio di tutta la collettività, bambini, anziani e famiglie “.

    ” Poi però – sottolinea Capodanno – più di recente era sortita la brutta notizia, accolta con grande disappunto dagli abituali frequentatori, che in effetti il parco Mascagna era stato inserito tra i sei parchi cittadini per i quali solo nel mese di luglio scorso sono state attivate le procedure di gara per l’affidamento dei lavori di riqualificazione.

    Procedure che, stando a quando si legge nella disposizione dirigenziale succitata, per le quali è stata sì esperita la gara ma per la quale attualmente, e siamo a settembre, “sono in atto i controlli sull’aggiudicatario per addivenire all’aggiudicazione definitiva e alla consegna dei lavori”. Sulla scorta anche dell’esperienza di quanto si sta verificando per i lavori di revisione ventennale per la funicolare di Chiaia, si teme che tali controlli possano durare per diverso tempo, ritardando ulteriormente l’inizio dei lavori “.

    ” L’unica cosa certa – puntualizza Capodanno – resta quanto si legge nel dispositivo del provvedimento, vale a dire la chiusura da oggi del parco Mascagna per “tutelare la pubblica e priva incolumità”dal momento che, come si legge nelle premesse, a seguito di ulteriori sopralluoghi “è emerso che si sono sommate ulteriori criticità a quelle già presenti nel parco Mascagna” per la qual cosa “non è più possibile mantenere aperto alla fruizione del pubblico il parco Mascagna”.

    Tale chiusura, al momento, è a tempo indeterminato, visto che non solo non si conosce ancora quando inizieranno i lavori ma neppure la loro presumibile durata. Alla luce di quanto sopra, reputo molto difficile che il parco possa riaprire entro il corrente anno “.

    ” Intanto – aggiunge stamani – le tante persone che abitualmente frequentano il parco, numerosi bambini accompagnati ma anche persone anziane, dal momento che siano ancora in piena estate, con tante belle giornate di sole, dopo aver appreso la brutta notizia dagli avvisi affissi lungo la recinzione, non si sono persi d’animo e hanno continuano i loro giochi e le loro attività, per quanto ovviamente possibile, nei viali pedonali posti intorno al parco, anche questi parzialmente transennati, dopo l’incendio, avvenuto di recente, di due palme “.

    Sulla vicenda Capodanno annuncia che, a breve, verranno messe in campo una serie di proteste, anche con un flash mob dinanzi ai cancelli chiusi, che verranno portate avanti insieme ad altri comitati e associazioni territoriali, pure per sollecitare, in attesa dei lavori manutentivi – che si auspica possano iniziare a breve e avere una durata contenuta -, una costante e maggiore attenzione alla pulizia dell’intera area del parco comunale e dei viali antistanti.

    Inoltre, alla luce di quanto accaduto, a ragione dei gravi ritardi accumulati che hanno prodotto la chiusura del parco comunale per le ragioni esposte, si chiedono le dimissioni dell’assessore comunale al verde, Vincenzo Santagada, così come si auspica che sulla vicenda si apra un’indagine da parte della Magistratura inquirente per valutare eventuali responsabilità su quanto denunciato da mesi da residenti, comitati e associazioni in relazione allo stato di degrado e d’abbandono che da tempo affligge il parco Mascagna e che hanno portato alla sua chiusura.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Napoli, baby gang scatena il panico a Mergellina: in 4 fermati dai carabinieri

    Molestie, lancio di pomodori e pericolose traversate al rosso: caos e paura in spiaggia e sul lungomare.

    A Calvizzano insegue la moglie armato di coltello, ruba uno scooter e va a casa dei cognati: arrestato

    Napoli. Un episodio di violenza domestica sfociato in rapina e violazione di domicilio è avvenuto questa mattina nel Napoletano, con l'arresto di un uomo di 49 anni. Tutto è iniziato in un appartamento a Calvizzano in provincia di Napoli, dove il 49enne ha aggredito la moglie di 50 anni durante...

    CRONACA NAPOLI