Pozzuoli, false fatture: sequestro beni per 3,6 milioni di euro

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Procura della Repubblica di Napoli ha delegato la Guardia di Finanza di Pozzuoli ad eseguire un decreto di sequestro preventivo su somme di denaro, beni mobili e immobili e quote societarie per un valore totale di oltre 3,6 milioni di euro. Questo provvedimento riguarda un soggetto accusato di utilizzare fatture false, evadere le tasse e fornire informazioni sociali errate.

La decisione di sequestro è stata presa in seguito a una verifica fiscale e alle successive indagini condotte su due società con sede a Pozzuoli attive nel commercio di metalli ferrosi.

L’inchiesta, condotta dalla Sezione criminalità economica della Procura di Napoli, ha rivelato un complesso sistema di evasione fiscale in cui numerose società cartiere, sconosciute al Fisco e privi di struttura aziendale e risorse economiche, emettevano fatture fittizie per simulare vendite di materiale al fine di eludere le tasse e fornire un notevole risparmio alle due società dell’indagato.



    Ulteriori indagini hanno dimostrato che le società avevano registrato debiti fittizi nei loro bilanci, inducendo creditori e autorità fiscali a credere che le aziende fossero solvibili.

    Inoltre, è emerso che l’indagato aveva spostato tutte le risorse finanziarie e operative da un’azienda poco prima della sua liquidazione, trasferendo gli asset a una nuova società di sua proprietà. Inoltre, aveva donato e trasferito dieci immobili a familiari.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Camorra a Caivano, il clan Ciccarelli contro i pentiti: “…Guappi di cartone”

    Salvatore Ciccarelli fratello del boss su tik tok si scaglia contro Pasquale Cristiano e Mariano Alberto Vasapollo

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE