Ischia, Legambiente denuncia il degrado di Villa la Colombaia cara al regista Visconti

SULLO STESSO ARGOMENTO

In occasione dell’anniversario della morte del regista Luchino Visconti, Legambiente Ischia denuncia la chiusura e lo stato di degrado della Villa la Colombaia nel bosco di Zaro nel Comune di Forio acquistata dal regista per poter vivere in un ritiro creativo ma non solitario circondato da attori celebri : Burt Lancaster, Alain Delon’, Romy Schneider, Helmut Berger.

“Il regista è legato ad Ischia da una lunga frequentazione. I più importanti attori e una parte della storia cinema degli anni 50/70′ si è svolta nella Villa la Colombaia Dopo la morte del Maestro– denuncia Legambiente Ischia- la villa è stata acquisita dal Comune di Forio e successivamente gestita tramite una Fondazione partecipata dalla Regione Campania.

La gestione è stata clientelare e fallimentare dal punto di vista economico , la Regione non ha più finanziato la Fondazione. Questo ha comportato la chiusura del sito, che era aperto al pubblico. Gli arredi originali di Visconti sono spariti, nel tempo la struttura è stata completamente spogliata e abbandonata al degrado. Il Comune ha deciso di chiudere l’accesso per motivi di sicurezza e responsabilità.”

    Oggi – prosegue la nota di Legambiente – per rivendicare la natura pubblica del bene, di cui si ventila la vendita ad un privato, abbiamo effettuato un accesso “di cittadinanza ” per commemorare il Maestro Visconti e documentare lo stato di disfacimento della villa e l’abbandono, l’abusivismo e l’abbrutimento che degradano lo splendido bosco di lecci secolari che circonda la villa e che fu rivendicato come spazio per un Parco Comunale, ma poi lasciato alla lottizzazione selvaggia. Come Legambiente stiamo predisponendo una serie di di manifestazioni e azioni per tenere accesi i riflettori per il recupero e la tutela dell’area verde circostante ed evitare la cessione del bene a privati.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

    Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE