In memoria di Don Peppe Diana: domenica 19 marzo al Caffè letterario Macrì

SULLO STESSO ARGOMENTO

Alle ore 17.00 commemorazione del sacerdote ucciso dalla camorra e un dibattito sul tema della legalità.

A quasi 30 anni dalla morte di Don Peppe Diana, ucciso brutalmente dalla camorra il 19 marzo 1994, le associazioni Culture Space di Aniello Di Santillo e Scusate il ritardo di Raffaele Copertino, vogliono ricordare la persona di Don Peppe Diana, nel giorno dell’anniversario della sua morte.

A moderare l’evento sarà la preside Debora Belardo, che ogni giorno si impegna per la crescita culturale di Sant’Arpino.

    Sarà un convegno interattivo, non solo di ascolto, ma verrà data parola a chiunque vorrà partecipare, attraverso un vero e proprio dibattito. La commemorazione e il ricordo di Don Peppe Diana, che ha scritto le pagine della nostra storia, daranno l’imput per un dibattito sulla lotta alla camorra e sulla legalità.

    “È importante la partecipazione attiva di tutti – ha dichiarato Aniello Di Santillo, Culture Space – Dovrà essere un convegno interattivo, non solo di ascolto, ma di dialogo. Solo lo scambio di opinioni, visioni, idee e valori ci può far crescere come persone e come comunità. Nessun posto il 19 marzo sarebbe stato migliore del caffè letterario Macrì, palcoscenico di cultura, di cambiamento, di cose nuove e positive. Grazie per la disponibilità e l’ospitalità”

    Sarà presente all’iniziativa un ospite speciale, Francesco Emilio Borrelli deputato in quota Verdi sinistra emblema della lotta per la legalità e punto di riferimento della lotta per la criminalità organizzata. Sarà un onore per noi ospitarlo.

    “Sono contenta che il ricordo di una persona così importante per la nostra comunità dia poi spazio ad un dibattito su temi come quello della legalità – ha commentato Antonietta di Palma, referente su Sant’Arpino di Culture Space – La consapevolezza che la lotta contro ogni tipo di criminalità si debba fare ogni giorno è fondamentale”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

    L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE