A Napoli truffa dello specchietto: 1 arresto e 4 denunce

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ieri pomeriggio gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania e dell’Ufficio Prevenzione Generale, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in piazza Cenni poiché un automobilista aveva segnalato un’auto con a bordo cinque persone che si erano rese responsabili della “truffa dello specchietto”.

I poliziotti hanno individuato in via Taddeo da Sessa la vettura segnalata con le persone a bordo e le hanno bloccate trovando il conducente in possesso di 1100 euro.

Inoltre, hanno accertato che lo stesso, dopo aver colpito lo specchietto dell’auto della vittima per simulare la rottura del proprio, l’aveva costretta a fermarsi minacciandola di corrispondergli del denaro come risarcimento del presunto danno subito; infine, le aveva strappato 100 euro dalle mani per poi risalire a bordo dell’auto e allontanarsi.

    R.P., 36enne Pomiglianese con precedenti di polizia, è stato arrestato per rapina, mentre i quattro passeggeri, di 26, 34, 37 e 41 anni, sono stati denunciati per lo stesso reato; infine, il 36 enne ed il 41enne sono stati, altresì, denunciati per inottemperanza al divieto di ritorno nel Comune di Napoli cui sono sottoposti.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE