🔴 ULTIME NOTIZIE :

Lusciano, i carabinieri forestale sequestrano stabilimento di lavorazione del ferro

Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise (CE), nel corso di un controllo del territorio finalizzato alla verifica della corretta gestione dei rifiuti prodotti da attività artigianali e industriali, si sono portati in agro del comune di Lusciano (CE), e più precisamente presso uno stabilimento ivi ubicato, laddove...
google news

Il ‘dolce’ ricordo di Pino Daniele al Gambrinus a 8 anni dalla scomparsa

Borrelli: “Il più grande. Evidenziava il bello ma denunciava il marcio di Napoli. Dovrebbero essere tutti un po' Pino Daniele.”

    Il ‘dolce’ ricordo di Pino Daniele al Gambrinus a 8 anni dalla scomparsa. Borrelli: “Il più grande. Evidenziava il bello ma denunciava il marcio di Napoli. Dovrebbero essere tutti un po’ Pino Daniele.”

    Pino Daniele non è stato semplicemente uno dei migliori cantautori italiani, a Napoli è un’istituzione, rappresenta l’anima stessa della città.

    Così tra un aneddoto, una canzone e gli ormai famosi “Pinuccio”, i dolci che i laboratori del Grambinus con Antonio Sergio e Massimiliano Rosati dal 2016 dedicano a Pinotto, come è sempre stato chiamato Pino Daniele dai napoletani, si è celebrato l’ottavo anniversario della scomparsa dell’autore di “Napul’ è” proprio nello storico caffè di Piazza Trieste e Trento.

    Anche questa edizione, come tutti gli altri anni, è stata promossa dal deputato dell’alleanza Francesco Emilio Borrelli e dal conduttore radiofonico de la Radiazza Gianni Simioli.

    “È sicuramente il cantante partenopeo in cui maggiormente mi riconosco, ha sempre denunciato la mala Napoli, basta ricordare la sua Napul’è.” – spiega Borrelli assieme agli esponenti di Europa Verde della Municipalità I: Benedetta Sciannimanica, assessore, e Lorenzo Pascucci, consigliere; e al membro dell’esecutivo cittadino del Sole che Ride Enzo Vasquez – “Ha sempre esaltato le cose belle, stupende, meravigliose della nostra città ma ha al contempo messo a nudo le sue debolezze e attaccato il marcio. Per questo dobbiamo celebrarlo con forza e coraggio, tutti dovremmo essere un po’ Pino Daniele per salvare Napoli e la sua cultura. Purtroppo lo si celebra troppo poco, così come anche gli altri grandissimi di Napoli, mentre sono innumerevoli gli omaggi, come i murales, per i camorristi.”

    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    LE ALTRE NOTIZIE