A Napoli arriva la statuina di Messi con la Coppa del Mondo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sul presepio napoletano a Natale gli appassionati di calcio potranno apporre anche la statuina in ceramica di Leo Messi che alza al cielo la Coppa del Mondo conquistata ai rigori contro la Francia.

PUBBLICITA

La statuina è stata realizzata dall’artigiano di San Gregorio Armeno Genny Di Virgilio. Il fenomeno di Rosario è rappresentato con la tenuta dell’Albiceleste mentre mostra il trofeo che gli mancava e che ha conquistato stasera con l’Argentina.

A Napoli c’è chi anche lo ha letto come un bel presagio in vista della lotta scudetto. Argentina campione del mondo, e gli azzurri – primi in classifica – chissà. E ai Quartieri Spagnoli, davanti al murales di Maradona, meta del pellegrinaggio laico di tifosi e curiosi, è come se questa sera si fosse trasferito un pezzo di Buenos Aires.

    Tante bandiere e camisete dell’Albiceleste, ma anche del Boca Juniors, mischiate ai colori azzurri. Per una sera nessuno è ritornato sul paragone che divide tutti in città: ma chi è più forte? Maradona o Messi? La vittoria dell‘Argentina ai Mondiali è stata salutata con fuochi d’artificio, caroselli di auto. Boati ad ogni gol segnato, disappunto per l’incredibile rimonta francese.

    Un chiosco di piazza Borsa ha trasmesso la finale con telecronaca argentina, tra esaltazione e delusione, fino al trionfo. Con sostenitori argentini – in città c’è una comunità di circa 500 persone – che si sono messi le mani nei capelli quando la Francia ha raggiunto la squadra di Scaloni, temendo un cedimento dopo che la partita sembrava ormai in pugno.

    Davanti alla parte dei Quartieri Spagnoli, dove c’è il murales dedicato a Diego, ormai ribattezzato slargo Maradona, si è riversata una folla straripante di argentini che fin dalla mattina aveva invaso la città. Ritrovandosi prima in piazza Dante e poi spostandosi in altri luoghi simbolo sull’asse Napoli-Argentina, come l’ex San Paolo, lo stadio ora dedicato al pibe de oro.

    Una folla di tifosi che si è mescolata ai tanti turisti in giro per la città nell’ultima domenica prenatalizia. Polizia e carabinieri sono intervenuti per garantire l’ordine pubblico costituendo un senso unico tra i vicoli per consentire l’omaggio al ritratto di Diego e uno svolgimento ordinato della festa che è andata avanti per tutta la sera tra i vicoli dei Quartieri Spagnoli.

    Cronache della Campania è presente anche sul servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News


    LEGGI ANCHE

    E’ morta Giuseppa Salerno, nonnina del Rione Sanità: aveva 112 anni

    Il Rione Sanità piange Giuseppa Salerno, ultracentenaria che questa estate aveva compiuto 112 anni. A darne il triste annuncio le figlie, i nipoti, i...

    Casalnuovo, messa per Messina Denaro, il parrocco si difende: “Un fedele mi ha chiesto celebrazione”

    "E' stato un fedele a chiedermi di celebrare una messa in suffragio di Matteo Messina Denaro, gliel'avevo segnata, ma l'abbiamo annullata per prudenza pastorale"....

    Muore dopo intervento al seno a Napoli, il fidanzato: “Il chirurgo deve marcire in galera”

    "Lo devono arrestare, gli devono togliere tutto come hanno tolto tutto a me". Non si dà pace Mario, il fidanzato di Alessia Neboso, la...

    IN PRIMO PIANO