Napoli, pretende essere accompagnato dal bus di linea e lo danneggia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, pretende essere accompagnato dal bus di linea e lo danneggia. E’ accaduto sul pullman di linea 151: un utente ha scambiato il bus per taxi.

Ancora un’aggressione ai danni di un autista a Napoli: questa volta ad entrare nel mirino di un violento è stato il conducente di un bus Anm, l’Azienda napoletana mobilità, della linea 151 in via Firenze, all’angolo con via Novara.

Un uomo intorno alle ore 22 di ieri, nei pressi della centralissima Piazza Garibaldi, spazientito per l’attesa della linea 169 pretendeva dall’autista della linea 151 di essere accompagnato a casa. Al giusto rifiuto dell’autista, è scattata la rabbia sfociata in violenza.



    L’uomo ha dapprima iniziato ad aggredire verbalmente l’autista del bus provando a forzare la porta anteriore nel tentativo di aprirla e salire a bordo. Non essendo riuscito a raggiungere il suo intento ha ripetutamente colpito con calci e pugni l’autobus, mandando in frantumi lo specchietto retrovisore del mezzo. Solo allora ha deciso di allontanarsi.

    A seguito dell’aggressione l’autista ha contattato con il proprio cellulare la centrale operativa Anm e le forze dell’ordine per denunciare l’accaduto. Sul posto è giunta una volante della Polizia di stato per effettuare le verifiche.

    Successivamente, il conducente è stato costretto ad interrompere la marcia per riportare l’autobus al vicino deposito di via delle Puglie ed effettuare le necessarie attività di manutenzione.

    Dopo l’ultima aggressione ad un autista a Napoli il sindacato Usb parla di “una violenza del tutto gratuita e senza alcuna giustificazione. Sono anni che il sindacato USB, ma anche i rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza, chiedono invano all’azienda, Questura e Prefettura di Napoli di attivare tutte le misure necessarie per implementare i controlli nelle ore serali e in alcune zone particolarmente a rischio con l’obiettivo di garantire l’incolumità del personale e degli utenti a bordo dei mezzi del trasporto pubblico.

    Le aggressioni e i raid vandalici ai danni dei mezzi, delle strutture e degli operatori ANM sono tristemente divenuti all’ordine del giorno ed evidenziano il totale fallimento in termini di prevenzione e sicurezza da assicurare alla base del servizio”.

    “Come lavoratori siamo davvero stanchi di subire continue minacce ed aggressioni da parte di cittadini infuriati per le lunghe attese alle fermate. Ad esasperare ulteriormente gli animi si è aggiunto l’aumento dei biglietti e il drastico taglio avvenuto nel tempo delle corse serali e notturne.

    L’azienda, inoltre, non ci mette nelle condizioni per poter affrontare la giornata di lavoro in sicurezza. Rispetto al passato siamo sprovvisti di strumenti tecnologici adeguati ad affrontare le situazioni di rischio e, come se non bastasse, gli autobus vengono acquistati senza essere dotati di cabine anti-aggressione.

    L’amministrazione Manfredi, a distanza di oltre un anno dal suo insediamento, si è dimostrata incapace di attuare quel cambiamento promesso e mai realizzato. Possiamo addirittura affermare che il servizio è peggiorato rispetto alla precedente amministrazione guidata dal sindaco De Magistris, senza risorse in cassa. Servono investimenti ed un deciso cambio di passo nella gestione del servizio e della sicurezza in azienda”, conclude la nota Usb.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Mostra a Napoli: ‘A 80 anni dalle Quattro Giornate’

    A Napoli è stata inaugurata la mostra "A 80 anni dalle Quattro Giornate. Sguardi su Napoli e la Campania nelle relazioni italo-tedesche dall'alleanza dell'Asse all'occupazione nazista dell'Italia (1936-1943)". L'esposizione, che resterà aperta al pubblico per due mesi, si tiene presso il Chiostro monumentale del Complesso di S. Maria La Nova. Il progetto espositivo, finanziato dal "Fondo per il Futuro" del ministero degli Esteri della Repubblica Federale di Germania, è curato dal Dipartimento di Studi Umanistici...

    Minaccia e perseguita la compagna, arrestato a Caserta

    Un uomo residente a Castel Volturno, Caserta, è stato posto in custodia cautelare in carcere in seguito alle accuse di atti persecutori e rapina. La decisione è stata presa dal giudice istruttore, su richiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, al termine di un'approfondita indagine che ha permesso di delineare i comportamenti vessatori dell'indagato. Questi comportamenti, rivolti nei confronti di una donna con cui aveva avuto una relazione affettiva, hanno generato un fondato timore...

    San Cipriano d’Aversa, incendiano rifiuti pericolosi vicino al liceo Segre: arrestati

    Due persone sono state sorprese mentre appiccavano un incendio a rifiuti pericolosi vicino al Liceo Scientifico Statale "Gino Segre" a San Cipriano d'Aversa, nel casertano. I due fermati, entrambi residenti nel casertano e di nazionalità rumena, sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe durante un servizio di contrasto ai roghi di rifiuti. L'incendio si è verificato nel pomeriggio in via Circumvallazione, dove i carabinieri hanno individuato il fumo proveniente dall'incendio e hanno...

    Giallo sulla spiaggia di Capaccio: resti di un piede umano trovati da un turista

    Giallo a Capaccio Paestum, dove ieri mattina sulla spiaggia di Licinella, è stato fatto il macabro ritrovamento di resti ossei in riva al mare. Un...

    Forte scossa di terremoto ai Campi Flegrei: avvertita dalla popolazione

    Una forte scossa di terremoto si è registrata alle 10 di oggi, domenica 3 marzo nella zona dei Campi Flegrei. La scossa è stata...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE