🔴 ULTIME NOTIZIE :

Funicolare Chiaia, la protesta “artistica”: a questo punto godetevi l’attesa

In via Cimarosa al Vomero sta diventando obbligatorio fermarsi davanti all'installazione artistica del maestro di arte civica Ruben D'Agostino aspettando che la Funicolare riapra. "Si chiama La lunga attesa in quanto non sapremo mai quanto dovremo aspettare per la riapertura della Funicolare di Chiaia", ha spiegato il maestro a Il...

Camorra, il clan Balzano chiedeva anche vestiti da cerimonia al commerciante di Miano

Il gruppo dei sette estorsori arrestati ieri dalla squadra mobile di Napoli aveva chiesto anche l'anticipo della rata del pizzo di Pasqua per queste festività natalizie

camorra clan balzano vestiti da cerimonia

    Prima un giubbotto. Poi jeans, vestiti per cerimonie. Poi e’ diventata una consuetudine.

    Chiunque del gruppetto entrasse riusciva a pretendere e ottenere tutto cio’ che voleva. Anche soldi in prestito, che non hanno mai restituito e la cosiddetta ‘tassa della tranquillita”. L’odioso pizzo.

    Una cifra considerevole, 1.500 euro, a cui un piccolo imprenditore del quartiere napoletano di Chiaiano, doveva sottostare per tre volte all’anno. A Pasqua, a Natale e a Ferragosto. Se non avesse pagato ci sarebbero state ripercussioni. Cosi’, viva via che il tempo e’ passato gli strozzini sono diventati sempre piu’ pressanti e volendo ancora piu’ pretenziosi.

    E nelle scorse settimane avevano anche preteso di farsi anticipare la rata di Pasqua. A quel punto il titolare del negozio insieme ai fratelli ha deciso di andare alla polizia e denunciare il gruppo di estorsori.

    Questo il pericolo scenario ricostruito dagli investigatori della Squadra Mobile di Napoli che ieri, al termine di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, hanno sottoposto a fermo sette persone, tutte gravemente indiziate di estorsione e tentata estorsione.

    In carcere, grazie all’azione anche dei poliziotti del commissariato di Scampia. In manette Eduardo Franco Romano, 52 anni (suocero del boss Matteo Balzano), Cristian Celentano, 28 anni, Maurizio Aceto, 26 anni, Antonio Aceto, 21 anni, Luciano Carbone, 26 anni, Giovanni Castiello, 31 anni, e Salvatore Maggiore, 18 anni.

    Sono stati tutti legati al disciolto clan Lo Russo, e ora del gruppo del clan Balzano di “Abbasc Miano”. Le richieste estorsive, hanno ricostruito i poliziotti, sarebbero partite nel settembre 2022 e sarebbero andate avanti fino ai giorni immediatamente precedenti all’esecuzione del provvedimento.

    (nella foto da sinistra Eduardo Franco Romano, Luciano Carbone, Antonio Aceto, Maurizio Aceto, Salvatore Maggiore, Giovanni Castiello e Cristian Celentano)

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Poggiomarino, padre e figlio ai domiciliari continuavano a spacciare: arrestati

    Blitz anti-droga a Poggiomarino con i Carabinieri della locale stazione che stanotte hanno perquisito l’abitazione del 57enne Pietro Palmisciano e di suo figlio, il...

    Rapinato in casa Roby Facchinetti, cantante dei Pooh

    Rapinato nella sua villa di Bergamo, Roby Facchinetti, il cantante e tastierista dei Pooh. Domenica sera si è visto arrivare in casa tre ladri armati...

    Jabil, prosegue agitazione: “Azienda non ritira licenziamenti”

    La proroga di un mese della cassa integrazione con la contestuale sospensione dei licenziamenti per il medesimo lasso temporale non spegne la mobilitazione dei...

    Lite in piazza, due giovani accoltellati a Cava de’ Tirreni

    Due giovani di 19 e 20 anni sono stati accoltellati nel cuore della movida a Cava de' Tirreni, in provincia di Salerno. Accoltellati in piazza...