Camorra, indagato il killer di Capparelli: è il nipote del boss

SULLO STESSO ARGOMENTO

C’è un indagato ritenuto il killer di Sergio Capparelli ucciso due notti fa al rione Traiano sotto la sua abitazione.

Si tratta del 45enne Aniello Cutolo, nipote del boss Salvatore Cutolo detto borotalco. La camorra non lo aveva mai perdonato e per questo il clan Cutolo aveva deciso l’eliminazione di chi si era macchiato del grave reato di violenza sessuale nei confronti di un ragazzino.

Gli investigatori, indagano i carabinieri della compagnia di Bagnoli, con il passare delle ore hanno escluso l’ipotesi che l’omicidio di Sergio Capparelli rientrasse nell’elenco di morti della cruenta faida di camorra della zona. La notizia dell’iscrizione nel  registro degli indagati del 45enne Aniello Cutolo è anticipata stamane da Cronache di Napoli.



    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Omicidio Sergio Capparelli: c’è un sospettato legato al clan Cutolo

    La vittima era stata condannata a 8 anni di carcere per la violenza sessuale nei confronti di un ragazzino di 15 anni. Ma era in attesa del processo di appello e lui si era sempre professato innocente. innocenza alla quale è evidente che il clan non ha mai creduto e appena ha avuto l’occasione lo ha punito con la morte.

    Leggi anche




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Quirinale 5.0: la sede del Presidente della Repubblica diventa digitale

    L’Agenzia del Demanio e il Segretariato generale della Presidenza della Repubblica realizzeranno il progetto “Quirinale 5.0”, con lo scopo di conservare e valorizzare uno complesso immobiliare unico al mondo, espressione della storia della Repubblica italiana. Il progetto prevede la digitalizzazione di tutti gli uffici, sale di rappresentanza, beni di importanza storico-artistica presenti presso la sede del Presidente della Repubblica, attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative, tra cui la BIM – Building information modeling, indispensabile per precisi...

    La Polizia di Stato ha chiuso una discoteca ad Agnano per 15 giorni

    Una discoteca ad Agnano è stata chiusa dalla Polizia di Stato per 15 giorni su disposizione del Questore di Napoli. La sospensione dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e di pubblico spettacolo è stata decisa a seguito di vari incidenti verificatisi all'interno del locale. Un giovane è stato ferito da un'arma da fuoco durante una lite avvenuta nella struttura, e si sono verificati diversi episodi di furto aggravato. Inoltre, durante un controllo effettuato dagli agenti...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono persone imparentate con i capi del clan Contini-Bosti, la potente organizzazione criminale della zona, fondatrice dell'Alleanza di Secondigliano Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile, dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale. Sono state accertate 17 occupazioni abusive di alloggi popolari. In alcuni casi, gli appartamenti erano stati occupati da parenti...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE