Musica, il Barocco napoletano attraverso ‘La voce dell’organo’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Musica, il Barocco napoletano attraverso “La voce dell’organo”. Dal 2 ottobre ripartono gli appuntamenti di Convivio Armonico alla Chiesa dell’Immacolata – Vomero

Riprende dal 2 ottobre la stagione di concerti curata da Area Arte Associazione. A dar il via ai concerti d’autunno che prevedono nove appuntamenti dal 2 ottobre al 29 dicembre saranno quattro concerti della serie “La voce dell’organo” che si terranno a Napoli presso la Chiesa dell’Immacolata al Vomero, realizzati in collaborazione con l’Ottobre Francescano della Comunità dei Frati Minori Conventuali e con la consulenza del M° Mauro Castaldo e dell’Associazione Organistica “G.M. TRABACI” di Napoli.

Il ciclo di concerti è un viaggio alla riscoperta della musica Napoletana del ‘700, in un percorso di ricerca tra passato e futuro, che unisce l’antico repertorio della Scuola Napoletana ad opere di compositori campani.

    Si inizia il 2 ottobre (ore 19.30) con il recital del giovane organista Giuseppe RIGLIACO con un programma di opere che abbracciano due secoli di musica organistica: dal Settecento francese con la Suite di Clérambault e tedesco con il grande J.S. Bach, all’Ottocento italiano con Petrali e Bossi.

    Giuseppe Rigliaco è organista e pianista, laureato con il massimo dei voti presso il Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento sotto la guida dei Maestri M. Castaldo e A. Guida. Ha compiuto la sua formazione anche presso il Conservatorio di Maastricht. Vincitore e finalista a concorsi internazionali, ha suonato per prestigiose rassegne e festival tra cui Convivio Armonico 2020, Reate Festival, Anna Jervolino & Orchestra da Camera di Caserta, e recentemente per l’ Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli. E’ Laureato in Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

    Il 9 ottobre (ore 19.30) secondo appuntamento con il giovane organista Pasquale RICCIO ci offrirà un viaggio nel repertorio organistico dalle opere di William Byrd a Benedetto Marcello, Domenico Zipoli, Baldassare Galuppi, Robert Schumann César Franck Oreste Ravanello Eduardo Torres. Pasquale Riccio è organista e cantante, laureato presso il Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento con i docenti M. Castaldo e con G. Zarrelli. Ha seguito diversi corsi e master di perfezionamento tenuti dai M° E.Cardi, E.Viccardi, S. Rétaux, V. De Gregorio.

    Il 23 ottobre (ore 19.30) il terzo appuntamento con la prestigiosa presenza dell’organista di fama internazionale Enrico VICCARDI, titolare di Organo e Composizione organistica al Conservatorio di Parma nonchè docente alla Scuola diocesana di musica sacra «Dante Caifa» di Cremona e Presidente dell’associazione musicale Accademia Maestro Raro, direttore artistico dei “Percorsi d’Organo in Provincia di Como” e dell’Autunno Organistico nel Lodigiano, ha al suo attivo una intensa attività concertistica e discografica pluridecennale di rilievo internazionale. Il programma offerto spazia da opere di Trabaci e Alessandro Scarlatti, J.S. Bach, Farina e Bernat Vivancos

    Il 30 ottobre (ore 19.30) a conclusione del ciclo “La voce dell’organo”, Mauro CASTALDO organista e compositore, titolare di Organo e Composizione organistica al Conservatorio N.Sala di Benevento e consulente della rassegna, presenterà un inedito e raffinato programma dedicato a due compositori napoletani del Novecento, Giuseppe Martucci e Rino Maione.

    Castaldo ha dedicato la sua intensa carriera concertistica sia al grande repertorio, che alla riscoperta di inediti di tutte le epoche: in particolare con l’Ass. “G.M. Trabaci” da lui fondata ha riportato alla luce la preziosa scrittura della più antica tradizione organistica napoletana ed il patrimonio organario ad essa correlato. È autore del libro “Il giardino dei silenziosi – Iuppiter Edizioni 2012” dedicato agli organi delle chiese di Napoli, prefazione di Mons. Vincenzo De Gregorio, la pubblicazione è stata richiesta in Svizzera ed in Olanda.

    Attraverso un ricco programma di concerti in chiese del centro storico di Napoli, con i cicli Suoni in Basilica e Suoni nei Luoghi Sacri (Basilica Reale di S. Francesco di Paola, Chiesa di S.Orsola a Chiaia) e in spazi di cultura nel centro antico con il ciclo Musica Nel Corpo di Napoli (presso DOMUS ARS) si esibiranno artisti conosciuti e giovani interpreti in un repertorio antico e moderno. I nove appuntamenti di questa seconda serie sono divisi in temi: La Voce Dell’organo, Napoli Barocca – Maestri Del ‘700 Napoletano, Vocalita’ Barocca Tra Sacro E Profano, La Scuola Violinistica Napoletana, I Giovani e la Musica, Sguardi Obliqui.

    La stagione nelle sue varie articolazioni e momenti si arricchirà di momenti di presentazione di pubblicazioni discografiche ed editoriali inedite sulla musica strumentale del ‘600 e ‘700 Napoletano e italiana, oltre ad iniziative volte a far conoscere ai giovanissimi il patrimonio musicale napoletano.

    La rassegna è a cura di AREA ARTE Associazione culturale Mediterranea, che da anni conduce studi e ricerche approfondite sulla musica napoletana del ‘600 e del ‘700 e ne promuove la diffusione e la valorizzazione. Anche per la stagione 2022, affidata alla direzione artistica dei Maestri Egidio Mastrominico e Rosa Montano, docente presso il Conservatorio “N. Sala” di Benevento, sarà dato spazio a recuperi di partiture dal Settecento Napoletano, alla presentazione di progetti discografici e seminari inerenti la Scuola Musicale Napoletana, continuando parallelamente a valorizzare opere del repertorio contemporaneo con un’ attenzione particolare ai compositori campani, e al patrocinio delle nuove generazioni di valenti strumentisti. La serie La Voce dell’Organo vede la consulenza artistica del M° Mauro Castaldo. Il coordinamento è a cura di Laura Francesca Mastrominico



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE