San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti e la leggenda delle Perseidi

San Lorenzo, é la notte delle stelle. Tutti col naso all’insù. Tutti a caccia di una stella cadente, di una ‘lacrima di San Lorenzo’ o meglio delle Perseidi, uno sciame meteorico che la Terra attraversa in questo periodo dell’anno. Questo sciame meteorico, un insieme di detriti e frammenti di roccia, viene periodicamente ‘lasciato’ dalla gigantesca […]

google news

San Lorenzo, é la notte delle stelle. Tutti col naso all’insù.

Tutti a caccia di una stella cadente, di una ‘lacrima di San Lorenzo’ o meglio delle Perseidi, uno sciame meteorico che la Terra attraversa in questo periodo dell’anno. Questo sciame meteorico, un insieme di detriti e frammenti di roccia, viene periodicamente ‘lasciato’ dalla gigantesca cometa Swift-Tuttle: l’abbondante quantità di polveri e particelle di ghiaccio, a contatto con l’atmosfera della Terra, si incendia e genera l’effetto romantico ‘Stelle Cadenti’.

La leggenda popolare più famosa racconta poi che le Perseidi sono le lacrime di San Lorenzo, versate dal Santo durante il suo martirio: da qui nasce anche la tradizione di esprimere un desiderio, nella speranza che Lorenzo ci aiuti a realizzarlo.

Stanotte, per fortuna, le nubi si saranno quasi ovunque diradate e permetteranno la visione delle stelle cadenti; ma a quel punto la Luna quasi Piena nasconderà parte dello spettacolo a causa della sua forte luminosità: addirittura il 12 agosto alle 03:35 arriverà l’ultima Superluna dell’anno, la ‘Luna dello Storione’, più brillante e più grande del solito.

 San Lorenzo, Il Vesuvio e le stelle cadenti

“Il Vesuvio e le stelle cadenti”: l’imperdibile tour nel sentiero più suggestivo del vulcano più famoso al mondo

Un avvincente percorso sul sentiero 1 del Vesuvio, alla ricerca delle Perseidi e alla scoperta delle meraviglie del Parco nazionale. Si chiama “Il Vesuvio e le stelle cadenti” il tour che si terrà dal 9 al 15 Agosto 2022, organizzato da Umberto Saetta e l’associazione di guide turistiche “I Vesuviani”, che da anni lavorano promuovendo le seducenti meraviglie del Parco Nazionale del Vesuvio.

Il tour è alla sua diciottesima edizione e prevede la partenza poco prima del tramonto da Rifugio Imbò, via Vesuvio Ercolano (Piazzale di quota 1000). Al crepuscolo, sarà osservato dall’alto uno dei luoghi più suggestivi del Parco, Valle dell’Inferno, con la caldera del Somma-Vesuvio. Prevista anche una passeggiata nei pressi del cratere più famoso al mondo. La meta è stata individuata presso un’area panoramica che dà sul Golfo di Castellammare: in quella occasione ci sarà una degustazione gratuita di vini vesuviani Docg.

Tra le suggestioni di “Il Vesuvio e le stelle cadenti”, la possibilità di osservare le stelle da mille metri, di conoscere la storia eruttiva del Vesuvio, tra brillanti minerali e colate lavica, di usare tutti i sensi, acuiti dalla luce al crepuscolo e dalla natura selvaggia e incontaminata.

Si tratta di un evento unico nel suo genere, organizzato dalle migliori guide vesuviane.

La prenotazione è obbligatoria, con raduno alle 18,30. È sufficiente telefonare al numero 335 584 2706 (ore 9 – 19) o mandare un whatsapp ai numeri 392 175 7658 – 335 584 2706 (ore 9 – 23)

 

 

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Leone fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 26 settembre è quello del Leone Ariete Ai ferri corti con un capo che non apprezza il vostro spirito di...

Meteo Napoli, temporale e mare agitato: collegamenti difficili per Ischia e Procida

Le condizioni Meteo Napoli oggi sono particolarmente difficili tanto che il mare molto agitato sta provocando disagi per il rientro dei turisti da Ischia e Procida

Peggiora il tempo: allerta Meteo Campania prorogata fino a domani sera

Allerta Meteo Campania, a causa del peggioramento delle condizioni meteorologiche la Protezione civile della Regione Campania ha prorogato l'avviso di criticità di livello arancione,...

Parte la petizione: lo stato paghi le bollette

E nei prossimi mesi – avverte l’Arera – i rialzi continueranno, principalmente per colpa del conflitto in Ucraina e della speculazioni finanziaria.

IN PRIMO PIANO

Pubblicita