google news

“Mi dispiace per la famiglia di Rosa, ma non ero io”: la strana confessione dell’assassino

#ElpidioD'Ambra confessa l'omicidio di Rosa Alfieri anche davanti al gip ma continua a ripetere di aver "sentito le voci" e poi ha detto: "Anche se non vogliono perdonarmi, io il perdono lo chiedo sempre a tutti"

PUBBLICITA

#ElpidioD'Ambra confessa l'omicidio di Rosa Alfieri anche davanti al gip ma continua a ripetere di aver "sentito le voci" e poi ha detto: "Anche se non vogliono perdonarmi, io il perdono lo chiedo sempre a tutti"

Resta in carcere Elpidio D’Ambra, il 31enne arrestato per l’omicidio di Rosa Alfieri, la 23enne uccisa tre giorni fa nella sua abitazione a Grumo Nevano.

Lucido nella sua ricostruzione ma anche  pieno di contraddizioni ha comunque confessato di averla strangolata anche al giudice per le indagini preliminari di Napoli Nord, dopo averlo fatto ai poliziotti e al pm. “Ho sentito delle voci che mi dicevano di ucciderla e l’ho strangolata con le mie mani”, ha ripetuto.

“Mi dispiace per la famiglia di Rosa. Anche se non vogliono perdonarmi, io il perdono lo chiedo sempre a tutti – ha raccontato – quando verso le 17 l’ho vista passare dopo che aveva parcheggiato la macchina, ho sentito le voci che mi dicevano di ucciderla perché altrimenti avrebbero ammazzato me nel sonno ed allora l’ho trascinata dentro e l’ho strangolata.

Preciso che non ero io, e con questo intendo dire che era come se fossi obbligato da qualcun altro a fare quello che stavo facendo”.

“Nel salotto è caduta a terra e poi, anche perché c’erano persone che bussavano alla porta, ho trascinato il corpo in bagno per non farlo vedere a chi era fuori. A quel punto ho aperto la porta, ho detto ai presenti che mi stavano”, ha raccontato.

Poi ha trascinato il corpo di Rosa in bagno: “Le ho messo il bavaglio in bocca perchè avevo paura che potesse urlare, anche se pensavo che era morta”.

Il gip si è riservato e deciderà nelle prossime ore se convalidare il fermo e tenere D’Ambra in carcere. E’ stato deciso che martedì 8 febbraio sarà affidato l’incarico al consulente medico che dovrà effettuare presso l’istituto di medicina legale di Caserta l’autopsia sul corpo di Rosa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Grumo Nevano, la mamma di Rosa grida: “Giustizia, voglio giustizia”

All’interrogatorio erano presenti anche il sostituto procuratore Patrizia Dongiacomo e l’avvocato difensore Dario Maisto. D’Ambra ha confermato di aver fatto entrare la ragazza a casa sua per chiederle informazioni sulle bollette e ha ancora negato di aver tentato di violentarla. Ma la su ricostruzione non convince ne’ l’accusa, ne’ la famiglia di Rosa. La ragazza, a quanto si apprende, era mezza nuda, alcuni vestiti strappati, segni di graffi sul corpo.

Dopo l’omicidio D’Ambra ha preso un treno e si è diretto a Napoli, dove ha vagato in strada per 24 ore prima di essere trovato dai poliziotti del Commissariato Bagnoli all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Nei suoi confronti è stato eseguito un fermo per omicidio volontario.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

spot_img
PUBBLICITA

LE ULTIME NOTIZIE

TREND NEWS

Napoli, imprenditore del Nord a Francesca: “Ti pago il viaggio, ma devi imparare a comportarti”

Napoli. "Devi imparare a venderti meglio, devi imparare a comportarti con gli imprenditori in modo completamente diverso". Le parole dell’imprenditore Gian Luca Brambilla che...

Pianura, il cadavere ritrovato è di Andrea Covelli: ma la famiglia non ha voluto riconoscerlo

E' di Andrea Covellii il cadavere ritrovato nel tardo pomeriggio nelle campagne di Pianura anche se la famiglia non ha voluto riconoscerlo. Sul cadavere, in...

Mezzo pesante si ribalta, code sulla Caserta-Salerno

Mezzo pesante si ribalta, code sulla Caserta-Salerno. Chiuso al traffico tratto tra Palma Campania e Nola E' stato temporaneamente chiuso al traffico il tratto compreso...

1 commento

I commenti sono chiusi.

CRONACA DI NAPOLI

Camorra a Pianura, arrestato il ricercato Cesare Divano

Pianura. Uno spacciatore 'autonomo', non nel sistema ma che dal sistema doveva prendere droga e avere il permesso di spacciare. Come un libero professionista...
spot_img