Stesa al Rione Sanità: colpi di pistola ai Miracoli

Napoli. Una nuova stesa di camorra è andata in...

Con le scariche elettriche voleva ‘addestrare’ il cane: proprietario denunciato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Con le scariche elettriche voleva “addestrare” il cane e ora rischia l’arresto l’uomo di Rionero Sannitico scoperto dai carabinieri Forestali di Forlì del Sannio. Il collare provocava forti sofferenze nell’animale

PUBBLICITA

Per ora è stato denunciato ma rischia l’arresto il proprietario di un cane da caccia trovato in gravi condizioni dai carabinieri Forestali di Forlì del Sannio (provincia di Isernia). L’uomo, originario di Rionero Sannitico, aveva applicato all’animale un collare elettrico in grado di trasmettere scariche elettriche. Con questa modalità – come ricostruito dai militari – voleva addestrarlo. In realtà, procurava al povero cane forte dolore.

Gli uomini dell’Arma si sono accorti dell’applicazione del collare elettrico nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto del bracconaggio venatorio in località ‘Madonna dell’Assunta’.

“Il collare, che provoca paura, stati ansiosi e gravi sofferenze, perfettamente funzionante e azionato a distanza con un telecomando è dotato di elettrodi non isolati a diretto contatto con la pelle del cane, attraverso i quali vengono trasmesse le scariche elettriche per finalità ‘addestrative’”, riferiscono i Forestali che hanno sequestrato il collare e denunciato il proprietario per il reato di detenzione di animali in
condizioni incompatibili con la propria natura.

“L’attività posta in essere – spiegano dal Gruppo Carabinieri Forestale di Isernia – si inserisce in un più ampio contesto di controlli che i Carabinieri Forestali svolgono sul corretto esercizio della ricerca/raccolta del tartufo e dell’attività venatoria, anche con riferimento al benessere dei cani impiegati in tale contesto. L’uso di questi strumenti vietati dalla Legge è invasivo e doloroso e certamente incompatibile con la natura del cane, perché si basa esclusivamente sul dolore, lieve o forte che sia ed incide negativamente sull’integrità psicofisica dell’animale”.


facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA