L’allarme lanciato da #SamueleCiambriello, garante dei detenuti della Campania




E’ scattato di nuovo l’allarme nelle carceri della Campania.

Con la quarta ondata risultano 13 i negli istituti di pena della regione positivi al virus e 23 gli agenti di polizia penitenziaria: tutti asintomatici.

Il  garante campano dei detenuti, è preoccupato e spiega: “Il Governo deve pensare a forme di ristoro per e agenti e tutte le persone che operano in carcere. Nel caso dei detenuti immaginare opportunità che diano più garanzie per la salute, ad esempio misure compatibili con l’esecuzione della pena, come la detenzione domiciliare o provvedimenti svuota carceri. Sembra un atto di civiltà e concreto rispetto al dramma della pandemia”.

E poi aggiunge: “Tra Governo, Parlamento e Amministrazione penitenziaria ci sono ancora persone che vanno oltre il loro cortile, che credono che un rafforzamento di agenti di polizia penitenziaria e figure del trattamento (educatori, assistenti sociali, psichiatri, mediatori culturali) vada fatto, convinto che si debba intervenire e subito con un provvedimento eccezionale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA


Il vaccino ai bimbi primi di Natale

Notizia precedente

Si ispiravano alla Casa di Carta, presi rapinatori di banche

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi