Napoletano ucciso a Rimini: 3 assassini restano in carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Rimini. Napoletano ucciso a Rimini: il gip ha convalidato il fermo di 3 dei quattro indagati.

Il Gip Vinicio Cantarini del Tribunale di Rimini ha convalidato il fermo disposto dal sostituto procuratore Paolo Gengarelli per tre dei quattro uomini accusati dell’omicidio di Antonino Di Dato, 45 anni di Napoli, morto a causa delle ferite riportate in un violento pestaggio il 3 novembre scorso nell’hall di un hotel di Rimini.

Si tratta di Bruno Francesco Cacchiullo, 53 anni di Taranto, Costantino Lomonaco, 35 anni di Messina e Ivan Dumbovic di 42 (questi ultimi due difesi dagli avvocati Francesco Pisciotti Massimiliano Giacumbo), che secondo le indagini della Squadra Mobile di Rimini, con un altro complice, un cittadino bosniaco tuttora ricercato, la sera del 3 novembre ridussero in fin di vita Di Dato, deceduto dopo 9 giorni di coma all’Ospedale Bufalini di Cesena.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Napoletano pestato a sangue in un albergo di Rimini: muore dopo 9 giorni di coma

    I tre che sono stati interrogati in carcere a Rimini dal gip hanno spiegato e raccontato la loro versione dei fatti. L’accusa nei loro confronti è di omicidio volontario, per un debito di 7.500 euro.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA






    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero, i ragazzi coinvolti: “Illesi per miracolo, poteva andare molto peggio”

    "Siamo veramente fortunati, la situazione avrebbe potuto essere molto, ma davvero molto peggiore. Siamo salvi per miracolo ed è tutto grazie anche alla prontezza...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE