arzano



Arzano. L’obiettivo principale dell’agguato al Roxy bar era Salvatore Petrillo, 29 anni, nipote del boss , l’uomo che ai domiciliari aveva sfilato in Ferrari per le strade di Arzano per la comunione del figlio.

I killer arrivati in moto sapevano che nel locale era presente Petrillo. Il 29enne doveva morire e i sicari hanno sparato nel mucchio. I carabinieri della compagnia di Casoria, che indagano sul caso, hanno recuperato una ventina di bossoli tutti di grosso calibro.  Cinque i feriti. Due gravi.

ADS

Una delle persone colpite non c’entra con la e era nel bar a bere una birra a fine giornata; Mario Abate, 61 anni, idraulico incensurato e’ stato colpito da una pallottola. Oltre a lui sono rimasti feriti Roberto Lastra, 36 anni, pure lui idraulico e socio di Abate e pure lui incensurato e Vincenzo Merolla, 18 anni, Luigi Casale, 39 anni, questi ultimi due legati al 167. L’agguato potrebbe essere legato a frizioni interne al e alla lotta per la leadership dopo l’arresto di Cristiano.

LEGGI ANCHE  Ischia, Geolier e Luchè al Negombo servirà il green pass

E gli investigatori guardano con attenzione alla scarcerazione  di Giosue’ Belgiorno, figlio del capo clan Raffaele Amato. Era lui che prima controllava la zona a ridosso dei comuni di e Casoria.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sparatoria Arzano: 5 feriti. C’è anche un anziano innocente

E che tra Belgiorno e Cristiano vi fossero vecchi rancori non è un mistero. Anzi la storia criminale di Arzano e del clan della 167 racconta di di clamorosi omicidi nel 2014 con una scissione interna tra gli scissionisti degli Amato Pagano con questi ultimi che avrebbero voluto consegnare la gestione degli affari illeciti a Belgiorno. Ma gli Amato decisero che ad Arzano invece comandasse Renato Napoleone e, dopo il suo arresto poi Cristiano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Omicidi nel centro estetico ed estorsioni ad Arzano: clamorosa scarcerazione di Pasquale Cristiano, soprannominato “picstik”

E ora con la detenzione di Cristiano e la scarcerazione di Belgiorno gli scenari sembrano essere cambiati e la sparatoria del Roxy bar è il segnale più evidente.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

 



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Il santo del giorno: Santa Caterina d’Alessandria

Notizia precedente

Pizzo sulla movida di Sorrento: arrestato affiliato al clan D’Alessandro

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..