Cronaca Giudiziaria

Imperiale faceva guadagnare 90 milioni di euro all’anno ai boss degli Amato Pagano

Le rivelazioni di Mario Cerrone ex socio in affari di Raffaele Imperiale: incassi da 90 milioni anno 15 milioni a ognuno dei 6 membri di vertice degli Amato Pagano



imperiale




Grazie alla droga del narcotrafficante internazionale Raffaele Imperiale, i sei componenti di vertice del clan Amato Pagano di Secondigliano guadagnavano, all’anno, 15 milioni di euro ciascuno, per un totale di 90 milioni. Al netto delle spese.

A rivelarlo e’ Mario Cerrone, socio in affari di Imperiale, che percepiva una quota di quei 90 milioni insieme con Raffaele e Elio Amato e con Cesare e Domenico Antonio Pagano. Manca all’appello il nome del sesto elemento di vertice degli “scissionisti”, di cui Cerrone, nelle dichiarazioni scritte fornite agli inquirenti durante un interrogatorio reso l’8 settembre 2016, dice di non ricordare il nome. Cerrone parla anche dell’esistenza di una cassa comune, nella quale confluivano gli introiti della vendita della cocaina.

Il socio di Imperiale era stato incaricato dal narcotrafficante internazionale di “presidiare Napoli” e di tenere i contatti con il clan. “In sostanza – spiega agli investigatori – avrei dovuto incassare il denaro delle forniture organizzandomi a tali fini”. Cerrone venne arrestato, per traffico di sostanze stupefacenti, nel 2004 e scarcerato nell’agosto del 2006. Raggiunse Imperiale a Marbella in Spagna per dividere i guadagni realizzati da “o’ parente” (cosi’ veniva chiamato Imperiale dal clan Amato Pagano, ndr) con il traffico di droga all’interno degli “scissionisti”.

Il giudice nell’ordinanza di custodia cautelare con la quale contesta l’accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso, ricorda che Cerrone si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere quando gli sono state formulate le domande circa la loro appartenenza al clan Amato Pagano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il pentito Carra: “Imperiale e il socio volevano comprare il calcio Napoli”

Il gip deduce quindi che le sue dichiarazioni “siano frutto di un calcolo di convenienza” anche se l’appartenenza di Cerrone agli “scissionisti” viene sottolineata da quattro collaboratori di giustizia, tutti ritenuti attendibili.

Google News

Commenti

I Commenti sono chiusi

Nobel per la Pace a Maria Ressa e Dmitry Muratov

Notizia precedente

Napoli, a Forcella aumentano le scritte inneggianti a Luigi Caiafa

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..