Una impresa di e una di Castellammare di Stabia, sono state sequestrate dalla Polizia Metropolitana nell’ambito delle indagini sull’ del disposte dalla Procura di Torre Annunziata, diretta da Nunzio Fragliasso.

Gli agenti, diretti dal Comandante Lucia Rea – hanno individuato a un’ azienda di ricambi auto e veicoli, che era privo di autorizzazioni e sversava reflui in un alveo afferente il fiume Sarno.

ADS

L’attività era esercitata su un’area a destinazione agricola con capannoni e piazzale adibiti alle lavorazioni. Il secondo ha riguardato una lavanderia industriale, di circa 600 metri quadrati coperti, a Castellammare, a ridosso del Sarno. Anche per questa impresa è stata riscontrata l’assenza di autorizzazioni alle emissioni in atmosfera e allo scarico in pubblica fognatura, senza alcuna depurazione.

LEGGI ANCHE  Il Napoli ora aspetta i gol di Osimhen anche in campionato

I liquidi inquinanti finivano direttamente nel fiume Sarno. I titolari delle due imprese saranno denunciati anche per stoccaggio non autorizzato di rifiuti.



Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

Il 25 ottobre ripartono in presenza le attività di “Panthakù. Educare dappertutto” il progetto di Ai.Bi. e 25 partner della Campania che in tre anni ha già coinvolto più di 900 minori

Notizia precedente

I matinée della Reggia di Caserta

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..