Seguici sui Social

Italia

Frode fiscale sui carburanti: sequestrati beni per 24 milioni di euro

Frode fiscale sui carburanti: con il mancato versamento IVA, il carburante veniva venduto a prezzi di gran lunga inferiori a quelli di mercato


PUBBLICITA

Pubblicato

il

Frode fiscale sui carburanti

Frode fiscale sui carburanti: sequestrati beni per 24 milioni di euro

Oggi è stato eseguito il sequestro preventivo disposto dal Gip di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica avente ad oggetto circa 24 milioni di euro pari al profitto di una frode fiscale sui carburanti realizzata nella commercializzazione di prodotti petroliferi da aziende operanti nel settore e dislocate in Campania e Lazio.

L’attività è stata posta in essere dalla Guardia di Finanza, Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli, Trieste e Frosinone, le cui indagini hanno consentito di ricostruire un complesso meccanismo societario che ha portato all’evasione dell’imposta IVA nella commercializzazione di prodotti petroliferi per l’autotrazione su tutto il territorio nazionale: grazie alla frode del mancato versamento IVA, il carburante veniva venduto a prezzi di gran lunga inferiori a quelli di mercato.

Frode fiscale sui carburanti

Sono state individuate decine di società che riuscivano a praticare prezzi notevolmente inferiori perfino al costo di produzione, aventi sede su tutto il territorio nazionale che riuscivano a praticare perché non versavano le dovute imposte; di qui il danno all’Erario accanto agli illeciti guadagni aziendali e personali.

LEGGI ANCHE  Ministero della Salute: "Unica dose di vaccino ai guariti dal covid"

Il meccanismo fraudolento era incentrato sulla presentazione di false dichiarazioni d’intento che consentivano di omettere il pagamento dell’IVA sul carburante commercializzato e sulla creazione di schermi societari di aziende “cartiere” che sparivano senza pagare i debiti fiscali accumulati.

Frode fiscale sui carburanti

Frode fiscale sui carburanti:

Il sequestro ha avuto ad oggetto le disponibilità finanziarie di società con sede legale nelle province di Frosinone e di Napoli e quelle dei loro amministratori legali e di quelli di fatto; con le attività investigative infatti è stato possibile individuare anche gli effettivi gestori delle aziende che spesso erano state intestate a prestanome.

Frode fiscale sui carburanti

Frode fiscale sui carburanti

Il sequestro oggi eseguito dimostra anche che, pure nell’attuale crisi economica cagionata dall’emergenza sanitaria, le violazioni fiscali vengono comunque realizzate e producono effetti distorsivi della concorrenza e del mercato poiché permettono la vendita di beni di primaria importanza a prezzi inferiori a quelli delle imprese che rispettano le leggi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: A Napoli ambulanza fai da te, la denuncia di “Nessuno tocchi Ippocrate”

Continua a leggere
Pubblicità

Italia

Green pass, Gelli: ‘Sia esteso anche al personale scolastico’

“L’auspicio è che il CdM, oltre a richiedere il #greenpass per viaggi in aereo e treno, possa estendere la misura anche al personale scolastico.”, dichiara Federico #Gelli

Pubblicato

il

green pass gelli

Green pass, Gelli: “Sia esteso anche al personale scolastico”

Serve una presa di posizione netta del Governo su scuola e trasporti in vista di settembre. L’auspicio è che il CdM, oltre a richiedere il green pass per viaggi in aereo e treno, possa estendere la misura anche al personale scolastico.

I casi sono in aumento ma i vaccini riescono a reggere l’impatto del dilagare della variante Delta mantenendo ancora bassi i numeri di ospedalizzazioni e decessi.

Stavolta però il Paese deve farsi trovare pronto alla riapertura delle scuole, garantendo ai ragazzi la possibilità di riprendere da subito la didattica in presenza dopo il fallimento dell’esperimento Dad e tenendo quanto più bassa possibile la circolazione del virus in questi ambienti con un alto livello di coperture vaccinali.

Del resto, come confermano i dati dell’ultimo rapporto di vaccinovigilanza dell’Aifa, questi prodotti sono altamente sicuri: in totale su 49,5 milioni di somministrazioni gli eventi avversi con rischio di vita sono stati 457, ossia lo 0,00092% ovvero 9,2 ogni milione di dosi“. Così Federico Gelli presidente della Fondazione Italia in Salute.

Continua a leggere

Italia

Madre tenta di uccidere la figlia appena nata: arrestata in Salento

Una donna di 34 anni è stata arrestata in provincia di Lecce dai carabinieri: è accusata di aver tentato di uccidere la piccola appena nata il 23 luglio scorso. Ora è ai domiciliari in una struttura

Pubblicato

il

Madre arrestata in Salento

Lecce. Tenta di uccidere la figlia appena nata: arrestata una donna di 34 anni per tentato omicidio. E’ ai domiciliari in una struttura assistenziale.

L’episodio è avvenuto il 23 luglio scorso, stamane i carabinieri hanno arrestato la donna di 34 anni.

Il parto, come hanno ricostruito gli inquirenti, era avvenuto nell’abitazione della donna, in maniera clandestina, nelle prime ore della mattina del 23 luglio scorso, in un comune del basso Salento tra Maglie e Martano.

LEGGI ANCHE  Eccesso di stamina nei filetti di alice: ritirati dai supermercati

La puerpera avrebbe dapprima tentato di sopprimere la neonata, per poi abbandonarla nel giardino dell’abitazione, non riuscendo nell’intendo di provocare la morte della piccola.

La donna, dopo l’arresto, scattato su ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica di Lecce che ha coordinato le indagini, è agli arresti domiciliari in una comunità riabilitativa assistenziale. Le indagini sono state eseguite dai carabinieri della compagnia di Maglie e della stazione di Martano.

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette