Omicidio Ilenia Fabbri: l’ex marito è stato il mandante e il complice l’esecutore.




Ilenia Fabbri, arrestato l’ex marito e il killer. La Polizia di Ravenna esegue ordinanza di custodia cautelare

L’ex marito come mandante e il complice quale esecutore. Questi i ruoli svolti da Claudio Nanni e dal compare per l’ di Ilenia Fabbri, avvenuto a Faenza lo scorso 6 febbraio.

La Polizia di Stato di Ravenna, nel corso della notte, ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due soggetti, indagati in concorso per l’ pluriaggravato. L’inchiesta, portata avanti dai poliziotti della squadra mobile di Ravenna e del Servizio Centrale Operativo di Roma – si spiega in una nota – ha permesso di acquisire gravi elementi indiziari nei confronti di Nanni e di un suo conoscente.

Il movente del delitto sarebbe da ricondurre al profondo astio che l’uomo provava nei confronti della ex moglie a causa delle sue pretese economiche. Maggiori dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 10,30 in questura, a Ravenna.

LEGGI ANCHE  Uccise Elisa Pomarelli, solo 20 anni al Rambo di Piacenza

Il 6 febbraio scorso Ilenia Fabbri è stata trovata sgozzata, nel suo appartamento di via Corbara, a Faenza. Gli investigatori della polizia, che oggi hanno arrestato l’ex marito della donna ed un complice, si sono concentrati sin dall’inizio sulla dinamica del delitto. La stanza da letto al secondo piano era solo la conclusione. L’ è passato quasi certamente dal garage al seminterrato.

La prima volante arrivata sulla scena del crimine alle 6.20 aveva trovato quella porta spalancata e senza segni di effrazione. Un elemento di sospetto, si aggiunge adesso. Ilenia aveva 46 anni. Le ordinanze di custodia cautelare sono firmate dal giudice delle indagini preliminari Corrado Schiaretti. I provvedimenti sono stati notificate nella notte. A quel punto sono scattate le manette per il meccanico 53enne Claudio Nanni e il secondo sospettato, che abita a Reggio Emilia. A condurre le indagini su quello che sembra essere l’ennesimo sono stati i pubblici ministeri Daniele Barberini e Angela Scorza.


Rifiuti nell’azienda di pomodori di Contursi Terme: tutto sequestrato

Notizia precedente

‘A modo mio’, il cortometraggio di Danilo Rovani liberamente ispirato alla storia Maria Paola Gaglione

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..

Commenti

I Commenti sono chiusi