Circa un migliaio di persone si sono riunite nella serata di mercoledi’ nel centro di per chiedere giustizia nei confronti dei presunti responsabili della morte di Diego Armando , deceduto il 25 novembre a soli 60 anni per un infarto causato da una miocardiopatia dilatativa.

L’appuntamento, convocato via social dal “popolo maradoniano” attraverso l’hashtag # e lo slogan “giustizia e punizione per i colpevoli”, si e’ tenuto nei pressi dell’obelisco, luogo simbolo della capitale argentina, dove tradizionalmente si svolgono i festeggiamenti dei tifosi per le vittorie della “Seleccion”. Come da previsioni all’evento erano presenti anche la ex moglie di “El Diez”, , e le figlie e , che hanno invitato i fan del campione argentino a partecipare numerosi.

Anche l’ex moglie e le figlie presenti alla manifestazione

Al centro delle accuse della famiglia e dell’inchiesta avviata dalla giustizia argentina, l’operato del neurochirurgo e medico personale dell’ex giocatore del Napoli, Leopoldo Luque, e dello staff medico che seguiva il suo decorso postoperatorio dopo l’intervento avvenuto il 3 novembre per la rimozione di un ematoma subdurale alla testa. Su richiesta del ministero della Giustizia, lunedì un comitato di esperti si è riunito per iniziare uno studio approfondito delle carte relative all’indagine per la morte di .



Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..