19 Agosto 2022 - 19:17
HomePrimo PianoLa mamma di Tiziana Cantone chiede la riesumazione della salma

La mamma di Tiziana Cantone chiede la riesumazione della salma

Non crede al suicidio della figlia Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, la 31enne che si sarebbe tolta la vita il 13 settembre 2016 in una abitazione di Mugnano dopo la diffusione virale di alcuni sui video hot privati.
google news
mamma tiziana cantone
foto di repertorio

Scippa Rolex dal polso di un turista francese a Napoli: fermato

Scippano Rolex dal polso di un turista francese e scappano in sella ad uno scooter. Stesso copione delle solite rapine in strada, ma stavolta...

Non crede al suicidio della figlia Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, la 31enne che si sarebbe tolta la vita il 13 settembre 2016 in una abitazione di Mugnano dopo la diffusione virale di alcuni sui video hot privati. E per questo chiede che la salma venga riesumata per un esame autoptico che non venne eseguito allora, dopo il ritrovamento del cadavere.

Lo scrive oggi Il Mattino. “Passero’ ancora un altro Natale senza mia figlia Tiziana, – aggiunge stamane all’ANSA la donna – ma ho la consapevolezza che la sua morte e’ servita a smuovere le coscienze. E spero che cio’ che non e’ stato fatto prima, a livello di indagini, venga fatto adesso, compresa”. Da qualche tempo la Giglio spera concretamente che venga riscritta la storia della morte della figlia, conclusasi nel dicembre 2017 con l’archiviazione dell’indagine della Procura di Napoli Nord per istigazione al suicidio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La mamma di Tiziana Cantone presenta una nuova denuncia e chiede nuove indagini

Per ora, dall’ufficio inquirente diretto da Francesco Greco, la Giglio ha ottenuto l’apertura di una nuova indagine che dovra’ far luce sulla correttezza nell’attivita’ di estrapolazione dei dati contenuti nell’Iphone e nell’Ipad di Tiziana, sequestrati dopo il fatto dai carabinieri, che poi li hanno anche analizzati in qualita’ di polizia giudiziaria. Determinanti le indagini difensive realizzate dai consulenti americani dell’Emme-Team ingaggiati dal difensore della donna, Salvatore Pettorossi, che hanno portato la Procura – sostituto Giovanni Corona – ad aprire una fascicolo per frode processuale, perche’, secondo l’esposto presentato dalla difesa, i dati negli apparecchi di Tiziana non sarebbero stati estrapolati correttamente dalla polizia giudiziaria, con cancellazione definitiva di memoria e inserimento successivo di alcune fotografie.

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Scippa Rolex dal polso di un turista francese a Napoli: fermato

Scippano Rolex dal polso di un turista francese e scappano in sella ad uno scooter. Stesso copione delle solite rapine in strada, ma stavolta...

Al via il controesodo, traffico da bollino rosso

Traffico da bollino rosso per il primo fine settimana di controesodo agostano. A partire dal pomeriggio di oggi, lungo la rete Anas (Gruppo Fs Italiane)...