Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Calcio Napoli

L’avvocato Grassani: ‘Motivatamente fiduciosi sul ricorso Juventus-Napoli’

Pubblicato

il



“Noi siamo motivamene fiduciosi di un esito positivo del ”, lo ha detto l’avvocato del Napoli, Matia intervenendo a Radio Kiss Kiss Napoli. dopo l’udienza di questo pomeriggio per ribaltare la sentenza del giudice sportivo che ha dato il 3-0 a tavolino alla .

“Juve-Napoli e’ stato un caso pilota – ha continuato -. Anche il ruolo delle Asl che non piu’ tardi di ieri si e’ rafforzato con il divieto di far partire i nazionali, e’ un elemento che fa parte della motivata fiducia. Auspichiamo che vinca la giustizia sportiva che e’ quella del campo, Juve-Napoli deve essere giocato sul campo e non sui tavoli di tribunale. Abbiamo richiesto l’annullamento del provvedimento e la trasmissione degli atti alla Lega per la calendarizzazione del match, se cosi’ fosse sarebbe una vittoria dello sport”. Infine una battuta sull’udienza durata quasi due ore: “E’ stato un dibattimento monstre, con un approfondimento richiesto dai giudizi fuori dal comune. In cinquanta anni di calcio professionistico non si e’ mai verificato un caso come Juve-Napoli. Il tempo che ci hanno concesso i giudici e’ stata una dimostrazione dell’attenzione che la Corte Sportiva d’Appello ha riservato al caso”.

 


PUBBLICITA

Calcio Napoli

Napoli, Gattuso: Facciamo troppo i professori

Pubblicato

il

Rino Gattuso, allenatore del Napoli, dopo la sconfitta interna contro il Milan è intervenuto al microfono di Sky Sport: “A me della prestazione dei singoli giocatori non interessa, non mi sofferma sull’errore personale. Abbiamo fatto tutto noi. Ci siamo fatti male da soli, abbiamo creato. Io devo pensare al mio orticello. Quando arriva la partita importante succede sempre un qualcosa, noi dobbiamo alzare l’asticella anche in questo. E’ un problema mio, sono io che non riesco a far interpretare le partite in un certo modo. Ognuno di noi, io per prima, deve prendersi le sue responsabilità. Bisogna stare sul pezzo, non stare a giudicare. Il primo responsabile sono io. Bisogna starci con la testa, ci manca un qualcosa, quella cosa di arrivare alle partite con l’occhio diverso. Pensiamo che solo con la tecnica, il giocare bene possiamo vincere. E’ da tempo che succede. Questa squadra la guido io, le scelte le faccio io. Ci sono cose che non mi piacciono, su cui batto da mesi. Vedo atteggiamenti che non mi piacciono e mi rimangono dentro, mi fanno stare male. Bisogna aggiustare quest’aspetto il più presto possibile”.

Ha visto l’episodio Ibrahimovic-Koulibaly? Che idea s’è fatto? “Non voglio parlare, non lo so. In tv sembra una gomitata alla Mike Tyson, se vedi anche la smorfia… Ma non dobbiamo pensare a questo, dobbiamo pensare a ciò che dobbiamo fare, sempre col coltello tra i denti”.

 

Problema atteggiamento fin dall’inizio? Dopo 5′ Koulibaly ha passeggiato in un rientro. “Oggi l’avevano preparata per non far giocare Koulibay e far giocare Manolas. Ci sono tanti episodi. Non è solo Koulibaly, bisogna ragionare da squadra. Abbiamo vinto quando abbiamo giocato col coltello dai denti. Non dobbiamo pensare all’io, ma al noi. Tante volte ho questo sensazione, pensiamo troppo all’io”.

Perché succede questo? “Non è un rilassamento, è una mentalità che ci portiamo dietro da tanto tempo. Per questo dico che il primo responsabile sono io. Bisogna stopparle subito queste cose qui, ma a volte si va anche alla ricerca di dialogo perché è dovere di un allenatore”.

Ti è mancato Osimhen? “Io ho una mentalità totalmente diversa da quando giocavo. Sono giovane, voglio far giocare le mie squadre. Ma non posso accettare che nei momenti di difficoltà la mia squadra non abbia il coltello tra i denti. Voglio vedere i ragazzi giocare da squadra, ci sono diversi episodi. Gli atteggiamenti li vedete, a volte facciamo i professori che la palla non arriva bene oppure restiamo lì con l’arbitro. Se oggi analizziamo la partita, il Napoli ha fatto quello che doveva qualitativamente. “.

Continua a leggere

Le Notizie più lette