Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Calcio

Preziosi: ‘Juve-Napoli spot mortale, ha minato certezze’

Pubblicato

in

enrico preziosi


Preziosi: ‘Juve-Napoli spot mortale, ha minato certezze’

“Juve-Napoli è stato uno spot mortale per il nostro calcio. Ha minato alcune certezze, aprendo una voragine nella quale siamo sprofondati tutti e dalla quale non sarà facile risalire”. Lo ha detto il presidente del Genoa Enrico Preziosi, alle prese con l’emergenza Covid-19 in rosa, in una intervista al Corriere dello Sport. “Ho ancora quindici giocatori positivi, nessuno si è negativizzato, e sono quasi tutti dei titolari. Non so proprio come potremo presentarci a Verona e con l’Inter. La positività di Ibra è durata sedici giorni, se i miei dovessero seguire i suoi tempi di recupero sarebbe un vero disastro – ha aggiunto – Che faccio? Mando in campo sei primavera? E il valore sportivo della partita quale sarebbe? L’ultima disposizione della Lega prevede un solo jolly a fronte di dieci positività per squadra, ma così si rischiano tanti 0 a 3 e noi del Genoa finiamo in B senza passare dal via”. Preziosi è stato trai i più critici nei confronti di De Laurentiis. “Un momento. Lunedì scorso in un’intervista a Radio Capital ho detto che bisognava capire se l’intervento dell’Asl fosse stato richiesto da qualcuno del Napoli oppure no. Mi rendo conto che le titolazioni devono essere sempre un po’ forti e pruriginose, ma insomma… Il fatto in sé non mi riguarda, peraltro, è materia della procura federale. Resta inteso che mai mi sognerei di far intervenire l’Asl. Da quello che mi raccontano e si sente dire, il Napoli rischia una penalizzazione – ha aggiunto – Più che un rischio, è una certezza. Il regolamento tuttavia non va, deve essere rivisto, non ci sono santi. Io spero soltanto che il campionato prosegua e che il suo valore sportivo non risulti danneggiato. Quando affermo che Juve-Napoli è stato uno spot mortale per il calcio italiano ho le mie buone, anzi ottime ragioni. Siamo in una fase caldissima della discussione sul futuro del nostro sport e non avevamo certamente bisogno di un incidente simile. Noi presidenti stiamo lavorando per garantire la continuità e la sostenibilità del sistema”

 

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Carica Gattuso: ‘Voglio una grande gara contro la Real Sociedad’

Pubblicato

in

GATTUSO

“Abbiamo una gara importante e difficile, giovedi’ scorso abbiamo preso una mazzata contro l’Az ma ci sono ancora 15 punti a disposizione nel girone. Sentiamo la pressione, voglio una gran partita”.

 

Rino Gattuso vuole dimenticare il ko all’esordio in Europa League e cerca il suo Napoli migliore domani sera nella sfida a San Sebastian contro la Real Sociedad, che e’ gia’ uno spartiacque vito che un ko renderebbe in netta salita la qualificazione al turno successivo. Il tecnico lo sa, ha motivato la squadra: “Sono d’accordo – dice – con l’allenatore della Real, Alguacil, siamo due squadre simili, anche loro hanno velocita’, cattiveria agonistica, sanno giocare bene al calcio e non a caso sono primi in classifica nella Liga. In Europa e’ difficile affrontare certe gare, giochi al giovedi’ e dopo tre giorni devi tornare in campo. Ma noi ci siamo complicati la vita e ora sappiamo che dobbiamo fare di piu’ anche nella prima mezz’ora, dobbiamo palleggiare in maniera piu’ veloce e poi trovare le soluzioni migliori per i nostri attaccanti. Con Osimhen non ci stanno dando profondita’, dobbiamo trovare qualcosa di diverso”. L’attaccante nigeriano domani potrebbe essere nuovamente al centro dell’attacco con il tridente alle spalle Politano-Mertens-Insigne, ma Gattuso pensa anche a Petagna titolare oppure a un ritorno al 433 con Mertens al centro dell’attacco. Tante opportunita’ per una squadra che Gattuso vede completa: “Abbiamo il dovere – dice – di giocare al massimo tutte le competizioni, perche’ abbiamo 23 giocatori di una buonissima rosa, e serve grande serieta’ in ogni gara. Cambi? Noi abbiamo tutti gli strumenti per valutare la condizione fisica, in questi dieci giorni abbiamo speso tanto, scenderanno in campo quelli che sono al 100%, cambieremo qualcosa ma saremo al top. In sette-otto mesi il calcio e’ cambiato, non esistono titolari e riserve, con cinque cambi si puo’ giocare anche 25-30 minuti ed essere decisivi, per noi e’ anche un valore aggiunto perche’ abbiamo giocatori che ci possono far vincere nell’ultima mezz’ora. Per questo non voglio vedere facce arrabbiate da chi non parte dal 1′”. Partira’ titolare Fabian Ruiz che spiega: “Napoli e Real sono due squadre che amano giocare al calcio – dice – loro stanno andando molto bene nella Liga e in Europa, domani sara’ una partita difficile tra due squadre simili, speriamo di vincerla noi. In questo nuovo modulo mi sento molto bene, Bakayoko e’ piu’ difensivo e io ho piu’ liberta’ per andare in avanti, quindi meglio per me”. La Real Sociedad arriva al match, che si giochera’ a porte chiuse, da una striscia di 4 successi di fila tra Liga ed Europa League, e il primo posto in classifica in Spagna. Dopo la vittoria sul Rijeka, punta al secondo successo per avere la strada qualificazione spianata. “Sara’ una gara veloce – spiega il tecnico dei baschi Alguacil – il Napoli ha ritmo, ma anche noi, a entrambe piace avere il possesso palla, sara’ una gara equilibrata. Noi abbiamo fiducia e siamo in un ottimo momento. Io sono un fan del Napoli, sono stato anche li’ per vedere una del Napoli di Sarri. Hanno una rosa di grandi giocatori e sono un seria candidata allo scudetto, una squadra da Champions League”.

 

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette