Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Napoli

Napoli, San Gennaro: sarà una festa senza folla né bacio alle reliquie

Pubblicato

in

napoli san gennaro


Napoli. San Gennaro, festa senza folla ne’ bacio reliquie. Nel Duomo massimo 200 persone per attendere liquefazione sangue.

 

Festa ‘ridotta’ per San Gennaro, patrono di Napoli e della Campania: la celebrazione del 19 settembre, durante la quale si attende il miracolo della liquefazione del sangue, avverra’ con non oltre duecento persone in cattedrale, compresi celebranti e coro; previsti un maxischermo nella basilica di santa Restituta per altre 100 persone e due maxischermi sul sagrato del duomo per 300 persone. Severamente vietati gli assembramenti e il tradizionale bacio dei fedeli alle reliquie del sangue del Patrono, ha spiegato oggi il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli.

Per Sepe, che dopo aver raggiunto i limiti di eta’ ha gia’ trascorso a Napoli i due anni di proroga decisi dal Papa, sara’ l’ultima festa di San Gennaro: e’ imminente infatti la nomina del successore, ma intanto il cardinale prosegue a pieno ritmo la sua attivita’. “Prego San Gennaro affinche’ faccia guarire tutti i malati e perche’ finisca quanto prima questa pandemia che ci sta distruggendo psicologicamente, fisicamente e anche spiritualmente”, dice l’arcivescovo che una settimana fa incontro’ il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, celebrando messa per i calciatori nel ritiro di Castel di Sangro: dopo la notizia della positivita’ al covid del patron, Sepe dovra’ sottoporsi a un nuovo tampone.

Il 19 mattina le porte del Duomo saranno aperte alle 9, piu’ tardi, dunque, rispetto agli anni scorsi. Non ci sara’ la messa delle 8, al termine della quale sarebbero state necessarie le operazioni di sanificazione prima di consentire l’accesso dei fedeli per San Gennaro. Alle 9.45 il cardinale si rechera’ nella Cappella del Santo, che quest’anno sara’ vuota, senza le “Parenti di San Gennaro”, dove con l’aiuto dell’Abate monsignor Vincenzo De Gregorio, il sindaco Luigi de Magistris, e il vicepresidente della Deputazione duca Riccardo Carafa d’Andria, procedera’ all’apertura della cassaforte che contiene il reliquiario con le ampolle del sangue. Misure necessarie, quelle relative alla limitazione delle presenze, misure che, evidenziano dalla Curia, “provocano sofferenza nel cardinale” per le limitazioni che, per forza di cose, impediranno a molti fedeli di essere presenti.

Chiunque volesse avere accesso alle celebrazioni deve inviare una mail al seguente indirizzo per la prenotazione: cerimoniale@chiesadinapoli.it, entro il 15 settembre. Gli accreditati riceveranno una mail di conferma e potranno ritirare l’invito, necessario per entrare, nella sede dell’Associazione Gioventu’ cattolica, in piazza Sant’Eligio. La liturgia sara’ trasmessa in diretta televisiva dall’emittente Canale 21, da Tv2000 e dal server Maria Tv Provider.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, giovane ricercato cubano sorpreso dalla polizia

Pubblicato

in

Napoli, giovane ricercato cubano sorpreso dalla polizia.

 

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato in corso Garibaldi una persona che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo.

I poliziotti lo hanno bloccato e hanno accertato che l’uomo, Barbaro Carrera Carrodegua, 27enne cubano irregolare sul territorio nazionale e sottoposto alla misura dell’affidamento in prova, era destinatario di un’ordinanza di sostituzione della misura in atto con quella della custodia cautelare in carcere, emessa il 16 settembre dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Napoli, poiché lo scorso 6 agosto si è reso responsabile del furto di una collana d’oro ai danni di una donna.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, strada pubblica chiusa al traffico per Comunione: disabile bloccato in auto

Pubblicato

in

Strada pubblica chiusa al traffico per Comunione, disabile bloccato in auto. Borrelli (Europa Verde): “Si impongano regole, si vieti con rigore uso privatistico della città”.

 

Via del Lavinaio, zona piazza Mercato, alle 12,20 di questa mattina sarebbe stata arbitrariamente chiusa al traffico per i festeggiamenti di una Prima Comunione. Una Hummer piazzata al centro della strada in attesa della festeggiata avrebbe impedito il transito ai residenti. Circa una decina di vetture sarebbero state costrette a tornare indietro, tra queste un automobilista con gravi disabilità in conseguenza delle quali ha il parcheggio riservato sotto casa, ma impossibilitato a raggiungerlo.

“Sono stato costretto a fare il giro di tutta la piazza – ha riferito l’automobilista in difficoltà al consigliere di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli – inutili i ripetuti tentativi di chiamare le forze dell’ordine, nessuna ha risposto. Da quattro anni ho il parcheggio riservato – ha continuato – ma quando esco con la macchina devo mettere la transenna altrimenti lo trovo occupato. Qui è una giungla ognuno fa come gli pare”.

“Si impongano regole, si vieti con rigore l’uso privatistico della città. Inaccettabile che le iniziative dei singoli possano ritorcersi contro gli abitanti e condizionare lo svolgimento della realtà cittadina. Si metta un freno al libero arbitrio, senza regole c’è invivibilità e inciviltà, su questa strada si va verso l’ingovernabilità di una comunità. Non possiamo permetterlo”. ha detto il consigliere Borrelli.

Continua a leggere



Le Notizie più lette