Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Napoli

Napoli, operatore socio sanitario del Santobono preso a pugni in faccia da un uomo in stato di confusione mentale

Pubblicato

in

santobono


Santobono di Napoli, Operatore socio sanitario preso a pugni in faccia da un uomo in stato di confusione mentale.

 

Ancora un’aggressione ai danni del personale sanitario. E’ accaduto durante il primo pomeriggio del 15 settembre all’ ospedale pediatrico Santobono dove un operatore socio-sanitario è stato colpito con un pugno al naso. A raccontare la vicenda è lo stesso OSS, Pasquale I., che si è rivolto al Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli: “martedì verso le 13.40, cioè verso al fine del mio turno, vengo incaricato dalla caporeparto di andare giù a prendere i risultati degli esami di alcuni bambini. Quando esco dal reparto, un uomo, sui 30 anni, si avvicina a me.

In quel momento credevo che fosse un genitore che chiedesse novità in merito al proprio figlio o che chiedesse della guardia medica, invece, senza dire niente, mi sferra un pugno, che becco in pieno perché non me lo sarei mai aspettato. Dopo avermi colpito urla che suo figlio non sta bene e che la moglie lo ha lasciato, io lo respingo e lui fugge via per le scale. Le guardie giurate non hanno saputo darmi né informazioni, né spiegazioni, e non hanno notato l’uomo. Videocamere di sicurezza qui non ce ne sono ma credo che sia importante rintracciare quest’uomo che potrebbe ripresentarsi o aggredire qualcun altro da un’altra parte, è evidente il suo stato di confusione mentale.”.

“Per prima cosa abbiamo allertato le forze dell’ordine dando una descrizione dl uomo fornitaci da Pasquale, è importantissimo individuarlo al più presto, prima che possa fare male ad altri. Oltre all’episodio in questione credo sia di vitale importanza rendere gli ospedali dei luoghi sicuri per gli operatori sanitari e per i pazienti con l’installazione di videocamere di sicurezza e presidi fissi di forze dell’ordine.”- ha dichiarato il Consigliere Borrelli, membro della commissione sanità.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, scippo con ferimento di un turista: arrestato 41enne

Pubblicato

in

Stamattina personale della Squadra Mobile ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini, nei confronti di Francesco Ferrone di 41 anni, gravemente indiziato di furto con strappo.

L’uomo, in seguito ad attività investigativa, è ritenuto responsabile di aver strappato la borsa ad una turista italiana che, la mattina del 25 luglio scorso, stava passeggiando a Corso Umberto con degli amici, e di essere poi fuggito in sella a uno scooter e successivamente rintracciato dai “Falchi” in Via Foria.
Grazie all’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza ed al riconoscimento fotografico effettuato dalla vittima e dai suoi amici, è stato ricostruito il fatto delittuoso.
Gli agenti, inoltre, hanno recuperato la refurtiva che è stata riconsegnata alla vittima.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Sfuggi al blitz contro i nuovi clan di Scampia: arrestato nel Casertano

Pubblicato

in

arrestato nel casertano

Sfuggi al blitz contro i nuovi clan di Scampia: arrestato nel Casertano. Scovato dai militari in un appartamento di Castel Volturno.

 

Pietro Gemito, 25 anni tra qualche giorno, sfuggito alla cattura lo scorso 4 settembre nell’ambito di un’operazione della DDA e dei Carabinieri della Compagnia Vomero di Napoli contro i clan di Scampia, ovvero i reduci del clan Lorusso.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, colpo ai clan di Scampia: arrestati in 13

Il latitante è stato individuato e arrestato dai militari del Nucleo Operativo Vomero a Castel Volturno, in provincia di Caserta. Gemito. E’ stato scovato dagli investigatori in un appartamento della zona.  Dopo le formalità di rito è stato portato in carcere.

Continua a leggere



Le Notizie più lette