Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Nera

Era scomparsa da un mese la donna ritrovata nel pozzo: Fermato il presunto assassino

Pubblicità'

Pubblicato

il

donna nel pozzo


Pubblicità'

È di Luana Rainone, 31 anni, originaria di Sarno e residente a San Valentino Torio il corpo privo di vita ritrovato all’alba di oggi tra San Valentino Torio e Poggiomarino. In stato di fermo il presunto assassino.

La donna era residente a San Valentino Torio ma originaria di Sarno, e di lei si erano perse le tracce dal 23 luglio scorso. A denunciare la scomparsa era stato il marito.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Donna accoltellata e gettata in un pozzo nell’Agro nocerino

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e gli uomini della sezione scientifica di Nocera Inferiore. Si tratterebbe di omicidio ed i carabinieri hanno già fermato un uomo che avrebbe avuto una relazione con la donna. Luana era scomparsa da un mese. Lo scorso 23 luglio alle ore 14 è uscita di casa da sola e si sono perse le sue tracce.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Rapinavano coetanei: due 15enni di Caserta collocati in comunità

Pubblicato

il

15enni caserta collocati in comunità
foto di repertorio

Rapinavano coetanei: due 15enni di Caserta collocati in comunità.

La Polizia di Stato di Caserta ha eseguito la misura cautelare del collocamento in comunità, emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni di Napoli su richiesta della Procura per i minorenni, nei confronti di due 15enni ritenuti responsabili di rapine e vari episodi di bullismo ai danni di coetanei, commessi nel centro di Caserta tra i mesi di settembre e ottobre 2020.Le indagini sono state avviate a seguito di una rapina commessa a Caserta il 12 settembre ai danni di due fratelli, anche loro minori. Nella circostanza gli indagati, alla presenza di un gruppo di ragazzini coetanei, hanno colpito le vittime con schiaffi e pugni e, minacciandoli con un coltello, si sono appropriati del denaro in loro possesso.

Analogo episodio si è verificato a Caserta il 4 ottobre, sempre ai danni degli stessi fratelli. Questa volta, gli indagati hanno usato violenza nel tentativo di sottrarre loro la bicicletta, desistendo a seguito della resistenza opposta dai fratelli. La banda di giovanissimi si è resa protagonista di un ennesimo grave episodio che, questa volta, è stato commesso ai danni di alcune persone anziane, schernite e pure fatte oggetto del lancio di arance. Il fatto si è verificato all’interno del parco urbano “Villetta Giaquinto” a Caserta.

Le indagini hanno permesso di attribuire alla baby gang attiva nel centro di Caserta in orari serali e notturni un’ulteriore serie di episodi di bullismo ai danni di giovanissimi, consistiti in aggressioni fisiche e pestaggi per futili motivi. In un caso, il 12 settembre, l’aggressione si è conclusa con la rottura di un dente di una delle vittime.

La Squadra Mobile di Caserta ha chiesto e ottenuto dalla Procura dei Minori di Napoli un decreto di perquisizione locale e personale nei confronti degli indagati, la cui esecuzione ha portato al ritrovamento, in una delle abitazioni, di due pistole giocattolo, una delle quali perfetta replica di quelle in dotazione alle forze dell’ordine, di tre coltelli, uno dei quali utilizzato per commettere la rapina del 12 settembre, e di un passamontagna. Stamattina gli indagati sono stati rintracciati nelle rispettive abitazioni e portati nella comunità indicata dalla Procura per i Minori di Napoli.

 

Continua a leggere

Cronaca

Alto Impatto al Parco Verde di Caivano: due pusher presi con 1,5 chilogrammi di droga

Pubblicato

il

Alto Impatto al Parco Verde di Caivano

Alto Impatto al Parco Verde di Caivano: due pusher presi con 1,5 chilogrammi di droga.

Ieri mattina gli agenti del Commissariato di Afragola, i militari della Tenenza Carabinieri di Caivano e il personale della Polizia Locale di Caivano, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, del IV Reparto Mobile e dell’Unità Cinofila antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno effettuato un’operazione “alto impatto” nel Parco Verde per individuare e rimuovere manufatti abusivi e contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.
Nel corso dell’attività sono state identificate 94 persone di cui 32 con precedenti di polizia e controllati 75 veicoli di cui 5 sottoposti a sequestro amministrativo per mancata copertura assicurativa.

Sono state contestate 15 violazioni del Codice della Strada per mancata copertura assicurativa, per circolazione con patente scaduta, per guida pericolosa, per mancanza dei documenti di circolazione e per mancata revisione periodica.
I poliziotti, grazie al cane antidroga Dorian, hanno rinvenuto sul tetto di uno stabile, occultati dietro ad alcuni materiali abbandonati, 28 grammi di hashish, 88 grammi di marijuana, 43 grammi di crack, 84 grammi di cocaina, 72 grammi di eroina, una radio portatile e 1620 euro.

Gli operatori, con il personale del servizio Veterinario dell’Asl Napoli2, hanno controllato un’area pubblica dove hanno trovato un’oca e due galline in stato di abbandono che sono state recuperate e affidate alle cure dei medici veterinari dell’Asl NA2; mentre, una persona trovata in possesso di un cane è stata sanzionata poiché l’animale era sprovvisto di microchip.
Inoltre, con l’ausilio di personale tecnico del Comune di Caivano, sono state rimosse porte e recinzioni in ferro poste abusivamente all’interno delle palazzine del rione, installate allo scopo di agevolare l’attività di spaccio.

Infine, in seguito ad un controllo presso l’abitazione di una coppia in via Circumvallazione Ovest, i poliziotti hanno rinvenuto 123 bustine contenenti 1,5 Kg circa di marijuana, diverso materiale per il confezionamento della droga e 205 euro.
Michele Savanelli, 57enne con precedenti di polizia, e L.B., 56enne, entrambi di Caivano, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere

Le Notizie più lette