Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Caserta e Provincia

Pericolo crollo, sequestro della cinta muraria antica Teano

Pubblicato

in

teano antica cinta muraria


La procura di Santa Maria Capua Vetere ha eseguito un decreto di sequestro preventivo d’urgenza di un tratto di cinta muraria a nell’intestazione tra via Nuova e via Giglio.

Le mura risalgono al IV secolo avanti Cristo ed erano quelle di cinta dell’antica Teanum sidicinum. Il procedimento penale da cui trae origine il sequestro a carico di ignoti e’ nato dalla segnalazione dei vigili del fuoco del comando provinciale di Caserta per un dissesto statico causato da una vistosa lesione verticale e alcune enormi fori con distacco di alcune grosse pietre per ravvisando l’urgenza di lavori di messa in sicurezza e riparazione.

Accertamenti tecnici hanno permesso di verificare che tutta la parte di muro prospiciente la scalinata di via Nuova ha una lesione verticale ampia e ingobbamenti piuttosto pronunciati nella muratura, nonche’ e’ uno stato diffuso degrado dei giunti di malta anche per la presenza di vegetazione infestante. Inoltre e’ ben visibile dalla strada un’altra lesione diagonale che si sviluppa nell’intersezione della falda di un fabbricato sotto il muro fino al parapetto del muro stesso. Il rischio e’ quello di un crollo della cinta murale anche parziale che pero’ potrebbe interessare edifici contigui e di fronte, e, sottolinea la procura, non sono state poste le esecuzioni le opere di messa in sicurezza per eliminare un pericolo per la pubblica e privata incolumita’. Il sindaco di aveva in una prima fase interdetto il traffico pedonale, poi ha revocato l’ordinanza.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Casi di Coronavirus della scuola elementare di Caianiello: ancora senza tampone

Pubblicato

in

Caianello. I piccoli della scuola elementare “LA PIANA”, in isolamento da giorni per un caso di Covid, nonostante gli sforzi dell’Istituzione Scolastica e dell’ Amministrazione Comunale stanno ancora aspettando che la ASL si faccia viva per effettuare i tamponi.

La scuola avverte di aver comunicato all’autorità competente la problematica. Quindi la palla è passata in mano all’ASL di Caserta, che ad oggi, non ha ancora convocato nessun ragazzo per l’effettuazione dei tamponi. Questo crea grossi disagi alle famiglie che devono, in pratica, vivere barricati in casa, oltre a generare uno stato d’ansia generale nei genitori preoccupati per la sorte dei loro bambini.

Continua a leggere

Le Notizie più lette