Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Italia

Coronavirus: Armani converte la sua produzione in Italia e realizza camici monouso per operatori sanitari

Pubblicità'

Pubblicato

il

Armani


Pubblicità'

Il Gruppo Armani, come riporta l’AGI, converte tutti i propri stabilimenti produttivi italiani nella produzione di camici monouso destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari impegnati a fronteggiare il Coronavirus.

Lo comunica una nota del Gruppo. Inoltre, nelle scorse settimane, a seguito dell’iniziale donazione stanziata a favore della Protezione Civile e degli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele, Istituto dei Tumori di Milano e dello Spallanzani di Roma, Giorgio Armani ha deciso di dare il suo contributo anche all’ospedale di Bergamo, a quello di Piacenza e a quello della Versilia, arrivando cosi’ a una donazione complessiva di 2 milioni di euro.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Napoletani scomparsi in Messico: a gennaio le novità sulle indagini

Pubblicato

il

Napoletani scomparsi in Messico
foto di repertorio

Napoletani scomparsi in Messico: a gennaio le novità sulle indagini.

A quasi tre anni dalla scomparsa dei tre napoletani Raffaele Russo, Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, avvenuta il 31 gennaio 2018 a Tecalitlan in Messico prosegue la ricerca della verita’ da parte del team composto dall’avvocato Claudio Falleti, delle avvocatesse Griselda Herrera e Fatima Boitel, legali delle famiglie. Gli avvocati sono riusciti ad ottenere, lo scorso 20 novembre, una misura cautelare da parte della commissione interamericana dei diritti umani affinche’ lo stato messicano riferisca entro la fine di gennaio sullo stato di avanzamento delle indagini.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ucciso in Messico il boss ‘El Quince’, presunto mandante del rapimento dei tre napoletani scomparsi

“Nonostante se ne parli ormai poco – dice l’avvocato Falleti – nessuno di noi ha gettato la spugna e si lotta come il primo giorno alla ricerca della verita’. Il processo in Messico sta proseguendo molto lentamente, le indagini vengono svolte a singhiozzo, nessun rappresentante dello stato ha piu’ chiesto aggiornamenti sulla vicenda, ma la nostra squadra proseguira’ fino a quando non riusciremo scoprire cosa sia veramente accaduto”. Gli avvocati, infine, rivolgono un nuovo appello al Ministro degli Esteri Luigi di Maio.

Pubblicità'

Le Notizie più lette