L’Ussi della Campania esprime “profondo rammarico” per la decisione della Ssc Napoli di “imporre ai suoi tesserati il silenzio stampa”. Un provvedimento, rileva una nota dell’Unione stampa sportiva, “che preclude la liberta’ di stampa, principio sancito dalla Costituzione italiana e elemento imprescindibile per la libera informazione”. Allo stesso tempo “condanna l’ulteriore decisione di impedire ai giornalisti di seguire l’allenamento del Napoli che eccezionalmente e’ calendarizzato domani allo stadio San Paolo. Cio’ esattamente tre ore dopo comunicazione contraria, ovvero nella quale i giornalisti e i fotografi erano stati invitati”. La nota dell’Ussi prosegue: “Sorprende una gestione cosi’ approssimativa e lesiva dei rapporti con i giornalisti da parte di un club glorioso e che in un passato non troppo lontano si e’ caratterizzato per avere per primo istituito il ruolo dell’ufficio stampa. Cosi’ come appare ingiustificabile la modalita’ con la quale, subito dopo la partita di Champions e senza alcuna motivazione ufficiale e’ stato comunicato ai giornalisti presenti che l’allenatore e i tesserati non sarebbero passati in Press Conference e in Mixed Zone per rilasciare diciarazioni post-gara

Contenuti Sponsorizzati