Gragnano. E’ stato un incidente di caccia a causare la morte di Gaetano Scala, 67 anni, trovato con un colpo di arma da fuoco alla testa all’alba di oggi nel suo appezzamento di terreno in località castello a Gragnano. Pur essendo un espetto cacciatore di cinghiali Scala è rimasto vittima di una disattenzione. L’uomo in nottata, come era solito fare in q questo periodo , pur non essendo periodo di caccia. è salito su un albero, in attesa del passaggio di cinghiali. Per una disattenzione il grilletto si è incastrato in un ramo ed è partito il colpo che l’ha preso nella parte bassa del volto(altezza vena aorta) più o meno vicino all’orecchio sinistro ed è morto sul colpo. La moglie non vedendolo rientrare dalla battuta di caccia iniziata ieri mattina ha dato l’allarme.Era uscito nella tarda serata di ieri ed è stato ritrovato poco dopo l’una di stanotte. Gaetano Scala é stato ritrovato dai carabinieri della locale stazione e da quelli della compagnia di Castellammare di Stabia privo di vita nelle campagne della zona. L’uomo era il gestore del ritrovo Il Ciliegio ed era un ex dipendente comunale. Era andato in pensione qualche mese fa. Sulla tragedia indaga la Procura di Torre Annunziata, che ha disposto il sequestro della salma affinché venga svolto il necessario esame autoptico.

Dubli russi, Salvini tace…

Notizia Precedente

Napoli saluta le Universiadi con un grande show e tanti consensi

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..

Altro Cronaca