Pianura, i cittadini in rivolta contro la monnezza, la Municipalità: ‘Il sindaco continua a dire che va tutto bene, noi siamo sommersi dai rifiuti’

«Il sindaco de Magistris continua a dire che non c’è alcuna emergenza rifiuti e che a Napoli va tutto bene. Un atteggiamento che contrasta con le scene che si stanno vivendo in questi momenti nelle strade di Pianura, dove una folla inferocita è scesa in strada e ha improvvisato blocchi stradali per costringere Asìa a intervenire. Ancora una volta assistiamo alla falsa propaganda di un sindaco incapace di gestire una emergenza sempre più evidente e che si vuole mascherare con eventi e feste nel centro della città. Proprio ieri ho inviato una lettera al Prefetto chiedendo la convocazione di un Tavolo per l’ordine e la sicurezza in previsione di quello che si poteva verificare e si è puntualmente verificato nelle strade della nostra Municipalità».

Sono le dichiarazioni del presidente della IX Municipalità Lorenzo Giannalavigna che ha commentato i blocchi stradali improvvisati da alcuni cittadini di Pianura esasperati dalla mancata raccolta dei rifiuti nel quartiere. Da diversi giorni la Municipalità sta sollecitando gli ispettori Asìa e i dirigenti territoriali, senza ottenere alcuna risposta significativa. Il duro gesto compiuto dai cittadini fa seguito all’incendio di alcuni cassonetti che si è verificato nelle scorse ore sul territorio di Soccavo.

«Aspetteremo la polizia insieme ai cittadini – continua ancora Giannalavigna – e gireremo immediatamente alle forze dell’ordine i numeri di telefono dei responsabili territoriali di Asìa. Vedremo così se anche alla polizia i responsabili di questo disastro faranno promesse su promesse. La Municipalità – prosegue ancora il presidente del parlamentino – non può che schierarsi con i cittadini esasperati dalle bugie del Comune di Napoli. Il nostro territorio non ci sta a diventare la pattumiera della città e se non si interverrà immediatamente per arginare questo problema non possiamo che prevedere ulteriori forme di protesta da parte dei residenti di Pianura e Soccavo».

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati