“Il Comune di Napoli ha imposto un nuovo blocco della circolazione per la giornata di giovedì a causa dello sforamento del limite di pm10. La causa principale, però, non è il traffico urbano ma l’inquinamento prodotto dalle grandi navi ormeggiate nel porto di Napoli che sono costrette a tenere i motori accesi a causa dell’assenza di elettrificazione all’interno dello scalo. Nonostante gli annunci da parte dell’Autorità portuale non c’è stato alcun tipo di azione concreta. Anzi, a dire il vero, sono mancate anche le risposte alle nostre sollecitazioni tant’è vero che siamo stati costretti a rivolgerci al ministero dell’Interno. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini. “L’elettrificazione del porto di Napoli non è più rinviabile. L’inquinamento prodotto dai motori delle navi impatta negativamente sulla salute dei cittadini napoletani. Ci rivolgiamo al presidente dell’Autorità Spirito chiedendogli di intervenire quanto prima e di tenere fede agli annunci. E’ inaccettabile che i residenti paghino le negligenze altrui”.
Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati