Sorveglianza speciale per un 38enne italiano che la Polizia definisce “uno stalker persistente”. La decisione e’ stata presa dalla Sezione Autonoma Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano su proposta del questore Marcello Cardona dopo le indagini della Divisione Anticrimine.
L’uomo a cui e’ stata notificata la sorveglianza speciale e’ una guardia giurata di Salerno al momento in carcere su misura cautelare in attesa del processo per Stalking. La vittima e’ la sua compagna, una 42enne con cui ha avuto due figli di 5 e 2 anni, e che dalla nascita della prima bambina e’ diventata l’oggetto della rabbia dell’uomo. E’ lungo l’elenco di minacce, violenze fisiche e psicologiche subi’te dal 2014, ovvero poco dopo l’inizio della loro relazione. I due si sono conosciuti a Monza, si sono poi trasferiti a Roma e dopo un anno sono tornati a Monza ; nel 2017-2018 si sono ripetute costantemente aggressioni, minacce con coltelli e kubotan, una sorta di punteruolo lungo circa 14 centimetri nato per l’autodifesa. Nel maggio 2018 la donna decide di lasciare la casa portando via i figli e accetta un incontro al parco per definire l’organizzazione della famiglia. In questa occasione, pero’, la guardia giurata la minaccia con un coltello ordinandole di rientrare con lui. Per la prima volta la 42enne trova il coraggio di chiamare la polizia e gli agenti arrestano il convivente per il possesso di tre coltelli da 5, 8 e 9 centimetri, una penna frangivetro da 14 centimetri, 2 kubotan e uno spray al peperoncino. Una volta rilasciato si presenta ancora sotto casa della compagna, lo arrestano nuovamente, evade e finisce ancora in carcere. Ora e’ arrivato il provvedimento del questore di Milano Marcello Cardona che prevede, una volta tornato in liberta’, la sorveglianza speciale e un trattamento “socio rieducativo”.

Nessun tag trovato per questo articolo.

Cronache Tv



Altro Cronaca

Ti potrebbe interessare..