a vent’anni dalla sua scomparsa

Genova ricorda Fabrizio De Andrè con “Il mio fabrizio”, incontro-evento a cui domani parteciperà, nella sua unica uscita pubblica, tutta la famiglia De Andrè. L’incontro è stato organizzato in occasione dei venti anni dalla scomparsa di Faber, morto l’11 gennaio del 1999 a Milano, lontano dalla sua Genova. La Regione Liguria e Palazzo Ducale, in collaborazione con il Comune di Genova, la Fondazione De Andrè Onlus, la Camera di Commercio e Rai Teche, hanno deciso di celebrare e, soprattutto, far rivivere l’immenso patrimonio di canzoni, storie e umanità. Il titolo reca volutamente la ‘f’ minuscola per rendere meglio la figura di De Andrè che parlava a tutti, spiega l’assessore regionale alla Cultura Ilaria Cavo che, insieme alla professoressa Margherita Rubino, ha ideato l’evento. Alle ore 15.00, in questa giornata di ricordo, nel Salone del Maggior Consiglio saranno presenti Dori Ghezzi e Cristiano De Andrè che ricorderanno un Fabrizio “privato”. Con loro Gino Paoli, Neri Marcorè, Fabio Fazio, Antonio Ricci, Morgan, Mauro Pagani e Luca Bizzarri (presidente di Palazzo Ducale). Ognuno porterà il proprio ricordo di Faber e anche una chitarra. “Il mio fabrizio” sarà un viaggio nella storia e nella musica del grande cantautore e nella memoria di quanti lo hanno conosciuto e amato. La cittadinanza è nvitata a partecipare e si può iscriversi a parlare per portare la propria testimonianza. I racconti migliori inviati in questi giorni dai lettori del “Secolo XIX”, saranno letti domani pomeriggio. La giornata in memoria di Fabrizio De Andrè avrà inizio alle ore 11.00 con una proiezione continua del materiale video, curato dal giornalista Vincenzo Mollica per la mostra allestita a Palazzo Ducale nel 2009: interviste, apparizioni tv, concerti. Alle 14.30 prima dell’avvio dell’incontro pubblico, è previsto un tributo a de Andre’ del Coro dei “Quattro Canti”, diretto da Gianni Martini. L’ingresso a Palazzo Ducale è gratuito.


Di Regina Ada Scarico

Altro Musica



Ti potrebbe interessare..