camorra



Napoli. “Quando accadono fatti del genere non ci dobbiamo chiedere dove sono le forze dell’ordine ma piuttosto: dove sono i cittadini?”. Alza di nuovo la voce contro la camorra che per anni e’ stato parroco in prima linea a Forcella, dove la scorsa notte c’e’ stata una stesa di con una donna di 52 anni ferita da un proiettile vagante, e non riesce a darsi pace. “Ho saputo del fatto nella notte – aggiunge in preda allo sconforto – e mi sono posto mille interrogativi, mille perche’, mi sono chiesto cosa si poteva fare e non si e’ fatto. Dall’omicidio di Annalisa Durante, della criminalita’, sono passati 14 anni. Ed ogni volta che accadono fatti del genere io dico che non merita altre vittime innocenti”. Don Merola dice che anche “i cittadini devono fare la loro parte, in concreto, anche se capisco il senso diffuso di delusione. Dopo la tragica di Annalisa furono annunciati numerosi progetti per il quartiere di Forcella, appena diecimila abitanti. Ma quanti di questi progetti sono andati in porto?”. Per il sacerdote, animatore della fondazione “A’ voce d’e creature”, per battere la camorra “solo il contrasto delle forze dell’ordine non basta. La societa’ civile deve agire. Non serve solo indignarsi nel momento in cui accadono fatti del genere e poi passata l’emozione torna tutto come prima. Dobbiamo agire nel quotidiano. Insomma vorrei vedere piu’ fatti, piu’ esempi e meno parole”.

LEGGI ANCHE  La storia di Zio Peppe il cuoco-commendatore di Nisida
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Camorra, uomo del clan Polverino sorpreso con 30 chilogrammi di hashish: arrestato

Notizia precedente

Il parroco propone una tassa per le spose ‘troppo scollate’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..