Reggio Calabria. E’ in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, in esecuzione di un fermo di indiziato di delitto dalla Direzione Distrettuale Antimafia reggina nei confronti di appartenenti alla di Sinopoli, accusati di associazione di tipo mafioso, estorsione, truffa aggravata, trasferimento fraudolento di valori, aggravati dal metodo e dalle finalita’ mafiose. Le indagini dei Carabinieri – si legge in una nota – hanno fatto luce sugli interessi criminali della cosca, una delle piu’ agguerrite del mandamento tirrenico della ‘ndrangheta reggina, in grado di infiltrare enti pubblici e amministrazioni locali per influenzarne le scelte e acquisire illecitamente appalti e finanziamenti pubblici. I militari hanno accertato anche l’appartenenza alla ‘ndrangheta del  sindaco di Delianuova, Francesco Rossi, il primo cittadino raggiunto da fermo di indiziato di delitto eseguito oggi dai Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria nell’ambito di una vasta operazione contro la di Sinopoli. I militari hanno fermato complessivamente 18 persone, tra cui il sindaco di Delianuova e due imprenditori. Rossi, eletto 3 anni fa con una lista civica, e’ accusato di associazione mafiosa dalla DDA di Reggio Calabria diretta dal procuratore capo Giovanni Bombardieri.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Covid: a Salerno e Costiera Amalfitana i sindaci chiudono spiagge, strade e piazze

Blitz contro la ‘ndrangheta nel reggino: arrestati anche un sindaco e alcuni imprenditori
di Redazione Cronache per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Esce per una gita in gommone a Vietri: scomparso da tre giorni. Ma non si trova neanche l’auto

Notizia precedente

Napoli i carabinieri restituiscono alla Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” 8 volumi del XVIII sec. rubati prima del 1990

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..