Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Napoli e Provincia

Arzano, consiglio comunale monotematico contro la camorra

Pubblicato

in



. Gomorra , consiglio comunale monotematico con i circoli e sale scommesse della camorra aperti in tutta la città. Città sorvegliata “speciale”. Una camorra forte ed una politica che in questo fase delicata cerca di arrangiarsi un po’ come può. Il sindaco , almeno dalle voci di dentro del palazzo, avrebbe deciso quasi in solitaria di promuovere un consiglio comunale monotematico per domani sera all’aperto in piazza Cimmino, come segno di solidarietà ai giornalisti minacciati in questi mesi e per dare un segnale ( per quello che si può) più alle istituzioni che alla camorra. Senza cadere in facili dietrologie e allontanare anche ogni possibile illazione o collegamento, appare evidente che se non s’inizia a chiudere con il passato e a fare per quello che si può anche autocritica interna, le cose stenteranno a cambiare. Il consiglio comunale convocato non toglie e non mette nulla se prima non vi saranno passaggi fermi e significativi che dopo lo stato, il comune fa la sua parte. Alloggi comunali occupati dalla camorra e mai espropriati, dipendenti comunali arrestati e non licenziati, consiglieri comunali in rapporti con la camorra, pseudo circoli ricreativi sorti come funghi, centri scommesse, grosse speculazioni edilizie, mancanza di controli sul fenomeno dell’abusivismo. Lo scenario di piazza Cimmino è suggestivo, ma meno qualche temporanei oratori che quanto appreso da alcuni esponenti del consiglio, leggeranno passaggi di alcuni martiri di mafia. E in molti dopo il consiglio si aspettano che dal comune partano finalmente i controlli sulle attività (anche in piazza Cimmino) non in regola. Delusi alcuni esponenti della società civile che avrebbero preferito che più che stilare un documento generico contro la camorra da condividere con PD, Movimento 5 Stelle, Nuove Generazioni, Moderati e Arzano Insieme, si sarebbe denunciato di come la camorra abbia condizionato direttamente e indirettamente in questi anni interi apparati. Condizionamento evidenziato qualche anno fa da un investigatore dell’Arma durante un’attenta e seguita deposizione contro il clan della 167 capeggiato dal latitante Giuseppe Monfregolo, la mala locale avrebbe messo in piedi una sorta di ghestapo che controllerebbe tutto e tutti. Per fare questo però, ed a noi ci sorge il dubbio che diventa certezza: c’è bisogno di avere collegamenti diretti con la politica con la borghesia professional-imprenditoriale che in questo momento storico, almeno dalle prime sensazioni, appare sempre più incentrata alla delegittimazione dello Stato e di chiunque si frapponga tra gli affari e il tentativo di poter riciclare ingenti capitali. Per fare questo, come sempre accade, si ricorre ai cosiddetti rimpiazzi che fingono da “sostituto” politico. Insomma, la camorra c’è ma non si vede.

Giuseppe Spaziani

Continua a leggere
Pubblicità

Napoli e Provincia

Torre Annunziata, rapina a un distributore di gpl: arrestato 34enne

Pubblicato

in

Aveva minacciata con una pistola l’addetto di un distributore di gpl posto nella parte periferica di Torre del Greco, in prossimita’ della vicina Torre Annunziata.

 

Volto travisato da mascherina e cappellino, si era fatto consegnare 500 euro in contanti. Dopo un mese e mezzo di indagini (i fatti risalgono allo scorso 12 agosto) il personale del locale commissariato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale oplontino su richiesta dalla Procura di Torre Annunziata, ha arrestato Antonio Monaco Morione, 34 anni.

Le indagini, attraverso i fotogrammi estrapolati dalle telecamere del distributore e dal sistema di videosorveglianza cittadino, hanno consentito di acquisire elementi utili a dimostrare che ad agire sia stato il trentaquattrenne di Torre Annunziata. La successiva perquisizione domiciliare infatti ha permesso agli agenti di recuperare l’arma, risultata a salve, il marsupio, la mascherina e il cappellino indossati da Monaco durante la rapina.

”Successive indagini – spiega in una nota il procuratore della Repubblica, Nunzio Fragliasso – hanno consentito di accertare che Monaco, due giorni dopo, si era reso responsabili di un’altra rapina in danno del titolare di un negozio di articoli cinesi in via Roma a Torre Annunziata. Nella circostanza, sempre sotto la minaccia di una pistola, la vittima era stata costretta a consegnare la somma di 120 euro”. Il trentaquattrenne, dopo le formalita’ di rito, e’ stato portato nel carcere napoletano di Poggioreale.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette