Nico morto sul colpo dopo un volo di 70 metri. Il cugino:’Lasciato solo dagli amici’

L’autopsia ha confermato che Nico è morto sul colpo battendo violentemente la testa dopo un volo di 70 metri in quel vallone maledetto di Positano. Era andato per divertirsi con amici e amiche e invece vi ha trovato la morte il 20 enne di Chiaia, Nicola Marra. Il corpo dopo l’esame autoptico è stato riconsegnato […]

google news

L’autopsia ha confermato che Nico è morto sul colpo battendo violentemente la testa dopo un volo di 70 metri in quel vallone maledetto di Positano. Era andato per divertirsi con amici e amiche e invece vi ha trovato la morte il 20 enne di Chiaia, Nicola Marra. Il corpo dopo l’esame autoptico è stato riconsegnato alla famiglia che prepara i funerali. L’autopsia ha stabilito anche l’orario del decesso che dovrebbe essere avvenuto tra le 4,30 e le sei della mattina di Pasqua. La perizia medico legale ha stabilito anche che i segni ritrovati sul suo corpo sono compatibili con la caduta. Per conoscere invece lo stato alcolemico del ragazzo e capire se, oltre a bere abbia fatto anche uso di altre sostanze, la tossicologa Pascale Basilicata ha preso qualche giorno: il tempo necessario per analizzare il sangue prelevato. Rimane per il momento ancora aperta l’inchiesta con l’ipotesi di reato morte per conseguenza di altri delitto ma se l’esame tossicologico darà risultati negativi la procura si avvia a chiudere il caso e ad archiviarlo come incidente. Resteranno invece il dolore e l’amarezza dei genitori di Nico e le polemiche nei confronti di chi poteva evitare quella morte assurda e non lo ha fatto. Il ragazzo durante la serata nella discoteca Music on the rocks sulla spiaggia di Fornillo trascorsa la notte tra sabato e domenica insieme a due ragazze che erano arrivate con lui ed altri amici napoletani ha bevuto più del solito. E’ andato in stato confusionale, è uscito dal locale nervoso perché aveva perso il cellulare e non aveva trovato il biglietto per ritirare il cappotto. Si è incamminato sotto la pioggia e poi si è diretto verso le scale che portano al vecchio cimitero di Positano. Li è caduto nel vallone sottostante ed è morto. Il racconto di chi era con lui e  non lo ha fermato in quelle condizioni hanno alimentato ieri le polemiche del padre Antonio. Oggi insiste sul mancato aiuto da parte degli amici un cugino di Nicola. Sul quotidiano Il Mattino, Simone Varriale spiega: “Era un puro di cuore, buono e generoso che non meritava assolutamente di morire da solo. C’è poco da dire, avevano tutti bevuto troppo. Lui è stato lasciato andare via da solo. E hanno anche tardato ad avvisare. Non voglio incolpare nessuno, Nicola è morto per una disgrazia. Ma quasi sicuramente si poteva fare di più per evitarla. Sinceramente è già stato detto tanto su mio cugino, e credo sia ora che questo triste evento venga dimenticato e lasciato al dolore dei familiari”.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

I sindacati: 1 ottobre confermato sciopero Ryanair e Vueling

Lo sciopero Ryanair e Vueling riguarderà gli aeroporti di Milano Malpensa, Pisa, Roma Ciampino e Napoli 

Maltempo, riattivata la linea Fs tra Potenza ed Eboli

La linea ferroviaria era stata sospesa stamane a causa dell'allerta meteo rossa in Basilicata

Maltempo a Napoli, si fa la conta dei danni. Il video

A causa del maltempo a Napoli ci sono stati allagamenti a Chiaia, al rione sanità, al Vomero, e anche in alcuni seggi lettorali è stato necessario l'intervento della Protezione civile

A Coroglio coppietta rapinata e ferita nella notte

Un 18enne incensurato del rione Traiano è ricoverato all’ospedale Cardarelli in prognosi riservata mentre la ragazza, una 19enne di Miano, ha riportato solo contusioni multiple

IN PRIMO PIANO

Pubblicita