Napoli, le recensioni negative online: nuova tattica di estorsione della camorra

SULLO STESSO ARGOMENTO

Le recensioni negative online, nuova tattica di estorsione

Il fenomeno del racket si è esteso anche al mondo virtuale, con gruppi organizzati della criminalità che orchestrano valanghe di recensioni negative contro i commercianti che si rifiutano di pagare il pizzo.

Questo è quanto raccontato da Raffaele Vitale, responsabile del nuovo centro Fai (Federazione Antiracket Italiana) a Chiaiano, quartiere periferico di Napoli. La struttura è stata inaugurata alla presenza del procuratore Nicola Gratteri, del prefetto Michele di Bari e del questore Maurizio Agricola.

    Il centro Fai di Chiaiano si propone di essere un punto di riferimento non solo per gli esercenti del quartiere, ma anche per quelli delle zone circostanti, come Scampia, Piscinola, Miano e Marianella.

    “Da oggi – spiega Vitale, che in passato ha subito estorsioni – siamo finalmente organizzati per contrastare il racket. Lo facciamo anche in un contesto in cui, oltre alle minacce tradizionali, si verificano anche attacchi informatici.

    Oggi ci sono veri e propri bombardamenti di recensioni negative sui social network se, ad esempio, un ristoratore, un barista o un negoziante si rifiuta di versare una somma mensile, che può essere anche modesta come 100 o 200 euro.

    È un’estorsione cyber alla quale spesso si cede, poiché chiedono cifre anche esigue per evitare recensioni negative in massa. Ma è un fenomeno pericoloso, una nuova frontiera del crimine. Anche per queste persone ci poniamo come punto di riferimento: in un momento in cui molti ancora rinunciano a difendere la propria dignità, accettando di pagare la camorra per sentirsi più sicuri, noi siamo al fianco di chi vuole liberarsi dalla sottomissione”.

    Il questore Agricola conferma l’allarme riguardante questo fenomeno: “Il numero di denunce per usura ed estorsione è oggettivamente basso rispetto alla realtà del racket. Fare rete è fondamentale in questo momento di aiuto e crescita”.

    Agricola sottolinea inoltre come “l’estorsione, l’usura e il traffico di droga siano le principali fonti di guadagno della camorra, che reinveste poi tali capitali. Dunque, combattere il racket significa privare la camorra dell’humus e del denaro necessario.

    So che denunciare è difficile, a causa dell’isolamento in cui si trovano spesso commercianti e imprenditori. Per questo le associazioni sono cruciali, perché li accompagnano e non li lasciano soli”.

    Luigi Ferrucci, presidente nazionale della Fai, spiega: “L’associazione antiracket è formata da individui che hanno denunciato il racket e che ora si dedicano ad aiutare i loro colleghi a fare altrettanto.

    A Chiaiano, questa associazione è intitolata a Francesco Tammaro, che nel 1985 fu ucciso dalla camorra proprio dopo aver denunciato. Questo episodio tragico evidenzia la differenza cruciale tra denunciare da soli e farlo all’interno di una rete antiracket, dove in 35 anni nessuno è stato ucciso”.


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Arrestato Marco Di Nunzio: autore del falso testamento di Berlusconi

    Arrestato Marco Di Nunzio: l'imprenditore torinese al centro della...
    DALLA HOME

    Arrestato Marco Di Nunzio: autore del falso testamento di Berlusconi

    Arrestato Marco Di Nunzio: l'imprenditore torinese al centro della vicenda del "falso testamento colombiano" di Silvio Berlusconi, è stato arrestato in Colombia. Lo rende noto la Procura di Milano, che ha concluso le indagini preliminari a suo carico. Di Nunzio, 56 anni, è accusato di aver redatto "tre diversi falsi...

    Incendio a Pollena Trocchia: in fiamme negozio prossimo all’apertura

    Incendio a Pollena Trocchia: i carabinieri indagano su quanto accaduto,un quarto d'ora prima della mezzanotte di ieri. I militari dell'Arma sono intervenuti, dopo la segnalazione al 112, in viale Europa 60 per un incendio in corso. Arrivati sul posto insieme con i vigili del fuoco, hanno verificato fiamme all'esterno di un'attività...

    CRONACA NAPOLI

    TI POTREBBE INTERESSARE