Acerra, la coppia diabolica tradita da una diretta social su Terra dei Fuochi

SULLO STESSO ARGOMENTO

C’è un incredibile retroscena dietro l’arresto della coppia diabolica di Acerra e che ha portato all’arresto di Maddalena Masi, 40 anni, e del nuovo compagno Francesco Miranda, 52.

I due sono finiti in carcere e accusati concorso in omicidio premeditato e volontario di Domenicantonio Vellega, ex marito della donna, trovato carbonizzato nella sua auto  il 3 marzo dello scorso anno.

I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna, con il coordinamento della procura di Nola, che hanno condotto le indagini e che ieri mattina hanno fatto scattare le manette ai polsi dei due potrebbero anche aver scoperto il movente.



Non è di certo di natura economica, visto il tenore di vita della vittima ma bensì  passionale: perché Vellega aveva iniziato da poco una relazione con un’altra donna e questo avrebbe suscitato l’ira della ex moglie.

Cosa è accaduto la sera del 3 marzo del 2022 nell’abitazione della donna dovranno spiegarlo sia Maddalena Masi sia il nuovo compagno Francesco Miranda al gip all’atto dell’udienza di convalida in carcere.

 Una diretta facebook su Terra dei Fuochi incastra la coppia diabolica

Ma oltre alle indagini e a una serie di errori scoperti dagli investigatori un importante contributo è stato dato da due uomini, suocero e genero, che il 3 marzo 2022 erano nella zona in cui l’auto fu data alle fiamme, in via Torricelli ad Acerra.

I due infatti avevano avviato una diretta Facebook per documentare i roghi in una zona che rientra nella Terra dei Fuochi e col cellulare ripresero la fuga dell’uomo che aveva appiccato il fuoco.

Ai carabinieri infatti i due hanno raccontato che l’uomo – sulla cinquantina, con la barba e i capelli lungi – indossava un vestito di scuro con guanti in lattice di colore blu. Il video, girato con un telefono cellulare, è stato acquisito agli atti delle indagini.

I due testimoni, però, inizialmente avevano spiegato di essere in grado di riconoscere l’uomo per poi fare marcia indietro. Ma i guanti di lattici di colore blu, gli stessi ritrovati con una pistola, nel corso di una perquisizione in casa della donna, rappresentano una delle prove a carico dei due e che hanno contribuito a incastrarli.

@riproduzione riservata

(nella foto in basso a sinistra Francesco Miranda, al centro la vittima Domenicantonio Vellega e a destra l’ex moglie Maddalena Masi)




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE