IL VIDEO

Ponticelli, sequestrate le pistole della faida

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un blitz interforze ha portato al sequestro di sei pistole, droga, sigarette di contrabbando e farmaci rubati nel quartiere Ponticelli di Napoli.

L’operazione, scattata all’alba di oggi, ha visto la partecipazione di personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

I controlli, effettuati in diversi punti del quartiere, hanno permesso di rinvenire sei pistole, di cui una con il colpo in canna; circa 200 grammi di cocaina; circa 1 chilo di marijuana;
circa 2 chili di hashish; oltre 200 pacchetti di sigarette di contrabbando; circa 100 confezioni di farmaci rubati.

    Sono state inoltre identificate e sanzionate due persone per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale e per ricettazione. Altre persone sono state sanzionate per violazioni del Codice della Strada.

    Un esercizio della zona è stato invece controllato e sanzionato per occupazione suolo pubblico e per mancanza della SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) per la somministrazione di alimenti e bevande.

    L’attività è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli. L’attività in questione ha visto la partecipazione di personale dei Vigili del Fuoco.

    Le operazioni sono state controllate dall’alto dagli elicotteri del Reparto Volo della Polizia di Stato e della Sezione Aerea della Guardia di Finanza.

    Le forze dell’ordine hanno assicurato che continueranno a monitorare il territorio per contrastare la criminalità organizzata.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE