Scoperta dell’Università di Napoli mette il turbo alle terapie contro la Sma

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lascia tracce anche nel fegato e nel cervello, il gene responsabile dell’atrofia muscolare spinale, la malattia genetica rara che nella forma più grave provoca la paralisi, fino alla morte prematura dei bambini.

La scoperta, italiana e pubblicata sulla rivista Communication Biology, apre alla possibilità di potenziare e personalizzare le attuali terapie contro la Sma.

Durata quattro anni, condotta su 33 pazienti pediatrici e in modelli animali, la ricerca è stata realizzata grazie alla collaborazione tra il Ceinge Biotecnologie Avanzate ‘Franco Salvatore’ di Napoli, le università della Campania ‘Luigi Vanvitelli, di Napoli Federico II, di Salerno e Cagliari, e con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.



    Parte dello studio è inoltre finanziata con fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, nell’ambito del progetto Mnesys-a, sullo studio del sistema nervoso in condizioni di salute e nella malattia I ricercatori hanno scoperto che il gene responsabile dell’atrofia muscolare spinale ha effetti sul metabolismo degli aminoacidi del cervello e del fegato fin dai primi giorni dalla nascita.

    Incide inoltre sull’espressione degli enzimi che permettono la sintesi delle molecole che aiutano la comunicazione fra le cellule nervose, ossia i neurotrasmettitori.

    “E’ un risultato importante, che da un lato fa pensare alla possibilità di stabilire nuovi biomarcatori per predire l’esordio della malattia”, osserva l’ideatore del progetto, Alessandro Usiello, direttore del Laboratorio di Neuroscienze traslazionali del Ceinge e professore di Biochimica clinica dell’Università Vanvitelli.

    Dall’altro lato, prosegue, il risultato “suggerisce l’importanza della nutrizione per compensare i deficit metabolici causati dalla riduzione della proteina Smn”, ossia la proteina prodotta dal gene Smn1 responsabile della malattia.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE