Autofficina abusiva a Avellino: sequestrata e denunciato il titolare

Avellino. I Finanzieri della Guardia di Finanza di Avellino...
L'EVENTO

A Salerno “In Vino Civitas”, il gotha delle cantine italiane

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Il vino porta bene”: sarà questo lo slogan che accompagnerà la settima edizione di In Vino Civitas, il salone del vino, organizzato dall’associazione Createam con CNA Salerno, che sbarca alla Stazione Marittima dal 21 al 23 ottobre. Promosso con la Camera di Commercio ed il Comune di Salerno, l’evento, ancora una volta, coniugherà la degustazione dei vini di 85 aziende vitivinicole, ognuna delle quali presenterà diverse etichette, provenienti da 17 regioni italiane (per la prima volta c’è la Calabria con 4 produttori) nella suggestiva cornice della conchiglia disegnata da Zaha Hadid, con tante iniziative legate alla promozione del territorio e dell’artigianato e riflessioni sul mondo del vino.

PUBBLICITA

Subito dopo il taglio del nastro (sabato ore 16), con Pippo Pelo ed un brindisi speciale all’insegna dell’integrazione, con sette studenti di diversa nazionalità che studiano al Cpia di Salerno, il Prefetto di Salerno Francesco Esposito consegnerà il premio EccellenSA, un bacco in ceramica artistica vietrese realizzato dal presidente di CNA Salerno, Lucio Ronca, all’azienda vitivinicola emiliana Villa Papiano, rappresentata da Maria Rosa e Giampaolo Bordini; una scelta simbolica per rendere omaggio a tutte le aziende danneggiate lo scorso maggio dalla alluvione che ha colpito l’Emilia Romagna e per le quali, come racconterà Fabio Bezzi, è partita una gara di solidarietà nazionale targata CNA.

“Questo è l’anno in cui come associazione punteremo ad aprire ai giovani – ha annunciato Sergio Casola di Createam, il papà del Salone del Vino – siamo orgogliosi della risposta ottenuta dal mondo dei produttori, che sempre più numerosi ed entusiasti aderiscono al nostro Salone del Vino”.

Sabato è anche il giorno in cui, oltre all’apertura dei Wine Talk, chiacchierate attorno al mondo del vino, e alla presentazione ufficiale delle cantine presenti, approdano al salone del vino undici buyers provenienti da Serbia, Ungheria, Albania, Slovenia, Bulgaria e Svizzera, i quali, d’intesa con ICE (Agenzia promozione Commercio con l’Estero), promuovono contatti B2B con le aziende vitivinicole. “Mentre l’anno scorso l’evento rientrava nel programma Pes (Piano export sud) – ha detto il presidente provinciale di CNA Salerno, Lucio Ronca – quest’anno rientriamo nella programmazione ordinaria dell’Ice, è questa è un particolare molto importante”.

Tra le aziende campane presenti, sarà anche sfida a colpi di calice per il Premio Arechi, per la miglior produzione regionale tra le etichette presenti al Salone del Vino; il premio sarà conferito domenica 22 ottobre dal presidente regionale Ais, Tommaso Luongo e provinciale Nevio Toti, e consiste in un’opera ceramica di design, il Prillo, realizzata da Sonia Tramontano, una delle partecipanti al Corso di Ceramica regionale di Vietri sul Mare in concorso ad un Premio internazionale di design.

Anche le altre opere della Scuola di Ceramica saranno in esposizione al Salone, che diventa Salotto per riflettere sul turismo e sulo sviluppo del settore enogastronomico con CNA agroalimentare. “Questo evento arricchisce ulteriormente l’offerta promossa nel comune capoluogo, brindiamo alla crescita del turismo e del nostro territorio, all’insegna della sinergia e della capacità di fare rete”, ha sottolineato Alessandro Ferrara, assessore al Comune di Salerno al Turismo e alle attività produttive. Ritorna anche la mostra dei fotografi CNA che si sono ispirati al tema della fortuna e del benessere che ruota attorno al vino.

“La Camera di Commercio crede da tempo nelle potenziali del vino tanto che rilanceremo per le imprese salernitane anche la possibilità di partecipare a fiere”, ha annunciato Il vice presidente dell’ente Pasquale Giglio. Ad accogliere visitatori ed aziende domenica 22 ci sarà inoltre un corteo storico, frutto della sinergia con la Bottega San Lazzaro e la Fiera del Crocifisso ritrovato: saranno i pensionati e gli artigiani Cna a trasformarsi in dame e cavalieri medioevali.


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE