Ospedale di Caserta: troppi accessi, pronto soccorso al collasso

SULLO STESSO ARGOMENTO

Passano gli anni, cambiano le stagioni ma l’emergenza del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Caserta resta immutata, se non addirittura inasprita.

Nel novembre dello scorso anno, infatti, il Consigliere regionale della Lega, Antonella Piccerillo, presentò prontamente un’interrogazione rispetto alla grave condizione in cui giace il Servizio di Pronta Urgenza, chiedendo al Presidente della Giunta quali provvedimenti fosse intenzionato ad attuare circa la mancanza di personale sanitario, le lunghe liste di attesa e l’assenza di posti letto.

La risposta fu lunga e articolata ma, in sostanza, rimandava alla realizzazione di un “Piano” di 10 pagine pieno di buone intenzioni che, a distanza di un anno, ha portato esclusivamente all’avvio dei lavori di ampliamento del padiglione del Pronto Soccorso.



    Un intervento importante e meritorio ma che non pare risolutivo rispetto al tema delle richieste di accesso da parte degli utenti dell’intera Provincia, considerato che i P.S sul territorio casertano sono pochissimi, in diminuzione da anni, e il P.S. dell’Ospedale di Marcianise lavora a scartamento ridotto a causa di lavori di ristrutturazione.

    Superfluo aggiungere la legittima preoccupazione dei cittadini e del personale in servizio, costretti a paventare dimissioni di massa o richieste di trasferimento ad altri reparti di fronte a una platea di potenziali utenti sempre crescente.

    Le nuove assunzioni di personale, inoltre, sono state contrattualizzate per occuparsi solo dei codici bianchi e nei turni diurni, una scelta che non risolve il tema del sovraffollamento di pazienti né quello della salvaguardia dell’incolumità fisica del personale sanitario e parasanitario in servizio al P.S.

    L’accesso degli utenti è, come noto, attualmente disciplinato da guardie giurate che svolgono esclusivamente un servizio di portierato. Si consideri che, invece, non molti anni fa, nel P.S. dell’Azienda Ospedaliera di Caserta era presente un drappello di polizia H24. Non passa giorno in cui non si debba fare ricorso all’intervento del 112 o 113; ormai, soprattutto nelle notti del fine settimana, è diventato anche un problema di ordine pubblico.

    “Stiamo assistendo alla distruzione graduale della medicina d’urgenza in Terra di Lavoro” – dichiara l’On. Antonella Piccerillo – “Nella prima interrogazione al Presidente De Luca non avevo chiesto la luna, ma un intervento strutturale, concertato e condiviso con l’ASL per evitare la chiusura di altri P.S in Provincia anche al fine di garantire una condizione di lavoro per il personale dell’Ospedale del Capoluogo e una cura dignitosa per i pazienti. Siamo alle solite.

    Dopo un anno i medici del PS del S. Anna e San Sebastiano sono lasciati da soli e si sentono abbandonati; ma io non ho intenzione di fermarmi: il Governatore dicesse una volta e per tutte cosa intende fare, senza fare scaricabarile. E’ il momento delle responsabilità e di rimboccarsi le maniche”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Gianni Forte dopo le rapine riapre il punto gioco e chiede un “decreto Barra” come Caivano

    L'imprenditore Gianni Forte ha riaperto il suo punto gioco in via Luigi Volpicella, quartiere Barra, dopo averlo chiuso a causa di una escalation di rapine. Forte aveva promesso di riaprire solo se lo Stato avesse dato una risposta immediata e concreta alla sua protesta. ''Avevo promesso la riapertura in caso di una riposta immediata dello Stato. E la riposta c'è stata. La presenza, oggi, delle istituzioni, testimonia la volontà di essere concretamente al fianco degli imprenditori....

    Napoli, i metal detector scoprono giovani armati di coltelli, tirapugni e manganelli telescopici

    Nelle periferie di Napoli, i quartieri di Piscinola, Chiaiano e Scampia sono stati sottoposti a intensi controlli da parte dei Carabinieri. Un'operazione congiunta della compagnia Vomero e del Reggimento Campania ha portato alla luce armi illegali e sostanze stupefacenti. Utilizzando metal detector, i militari hanno individuato diverse lame tra cui un manganello telescopico di 63 centimetri, un coltello a serramanico e un tirapugni. Tre giovani sono stati denunciati per il possesso di queste armi. Durante i controlli...

    Quarto, spari contro l’auto di un incensurato

    È mistero a Quarto per una sparatoria avvenuta nella zona di via Cupa Lava. I carabinieri sono infatti intervenuti in seguito a colpi d'arma da fuoco esplosi contro l'auto di un giovane di 24 anni, senza precedenti penali. Il veicolo, parcheggiato in strada, è stato sequestrato dopo che sono stati trovati tre fori di proiettile nella parte posteriore. Fortunatamente non si sono verificati feriti in questo episodio. Al momento sono in corso indagini per comprendere la dinamica...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE