Napoli, denunciati 5 parcheggiatori abusivi e sequestrate 67 tra auto e moto durante il concerto di Geolier

Napoli. Ieri sera, allo stadio Diego Armando Maradona di...

Napulitanata presenta ‘Made in CARUSO’, la mostra dedicata alla star napoletana nel 150° anniversario dalla nascita

SULLO STESSO ARGOMENTO

Start 31 ottobre ore 10: foto, partiture, canzoni qr-code, cartoline, documenti. Partner Mann e Federico II.

PUBBLICITA

Nella sala di Napulitanata, navigando anche attraverso digitali QR-Code, immaginando la Napoli di fine Ottocento e inizio Novecento, martedì 31 ottobre 2023 alle 10 del mattino si aprirà sotto ai portici della Galleria Principe di Napoli la mostra monografica “Made in CARUSO”, dedicata al tenore partenopeo morto il 2 agosto 1921 di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario dalla nascita.

Fino al 31 dicembre, il progetto a cura dell’associazione omonima guidata dal manager culturale Mimmo Matania e dal pianista Pasquale Cirillo, intende portare alla luce una serie di materiali selezionati dell’indimenticato interprete di “Core ‘ngrato”, “Santa Lucia”, e di “Vesti la giubba” (alias l’aria dall’opera “Pagliacci” di Leoncavallo). Contributi digitalizzati, stampati e messi a disposizione dall’associazione Villa Caruso di Bellosguardo a Lastra a Signa, in Toscana – che fu casa dell’artista – e dal Peabody Institute of the Johns Hopkins University di Baltimora (Maryland – USA).

Co-finanziata dalla Regione Campania con la legge regionale 7/2003 e con il patrocinio morale del Mann, del Dipartimento di studi umanistici dell’università Federico II e con il supporto dell’associazione Passato e Futuro onlus, la mostra rappresenta un ottovolante emotivo/estetico nella biografia privata e nella carriera artistica di mister Enrico Caruso. Così venne ribattezzato a New York.

E proprio la metropoli americana è spesso al centro di questo racconto. A cominciare dai report contrattuali ufficiali e dai fogli di sala dei concerti tenuti dal tenore alla Metropolitan Opera House. Sarà possibile setacciare con lo sguardo i ritratti del cantante a bordo di transatlantici che lo portano dalla Germania agli States e dagli States alla Francia. Le locandine di opere di Giuseppe Verdi da lui interpretare e i programmi delle stagioni che lo hanno visto star in palcoscenico a Montecarlo, Buenos Aires e Parigi. Caruso nel look di Canio per l’opera “Pagliacci”; Caruso pronto al decollo; Caruso agli Scavi di Pompei. Immagini con gli amici e i familiari; immagini della sua vedova Dorothy Benjamin. Ancora, le riproduzioni su cartoline postali dei disegni realizzati dallo stesso Enrico Caruso e infine le partiture per voce e pianoforte di tre canzoni da lui composte.

“In questi anni di ricorrenze legate al grande tenore – commenta Mimmo Matania di Napulitanata – non sono mancate in città le iniziative in suo onore. Ora proponiamo la nostra prospettiva attraverso alcuni temi a noi molto cari: il viaggio, l’esportazione del M ade in Italy, la tecnologia come mezzo di diffusione culturale e non come strumento fine a se stesso. Questa esposizione multipla dà la possibilità di rileggere Enrico Caruso grazie agli spostamenti geografici effettuati in carriera e grazie a una collezione di frangenti autobiografici e familiari, rendendolo l’artista cristallino che ancora è”.

NAPULITANATA – piazza Museo nazionale 10-11 c/o Galleria Principe di Napoli

L’associazione Napulitanata ha iniziato la sua attività nel 2015 vincendo un bando comunale per la concessione a titolo oneroso dei locali presenti nel complesso monumentale della Galleria Principe di Napoli. Fino ad allora un deposito di rottami di taxi, lo spazio è stato completamente ristrutturato dai componenti dell’associazione, diventando un hub culturale che dal 2017 ospita regolarmente concerti, attività di formazione musicale e mostre dedicata alla conoscenza della canzone napoletana. L’apertura dello spazio Napulitanata, in piazza Museo, ha colmato la storica lacuna di una sala da concerti dedicata alla canzone napoletana. Nei primi sei anni di attività sono state registrate oltre 45.000 presenze, sia di pubblico napoletano sia di visitatori provenienti da ogni nazione del mondo, che lo hanno consacrato un punto di riferimento culturale e turistico per la città del Vesuvio.

Inaugurazione mostra il 31 ottobre 2023, ore 10. Esposizione visitabile fino al 31 dicembre 2023.

Progetto e allestimento a cura di NAPULITANATA.
Co-finanziato dalla Regione Campania attraverso la Legge Regionale 7/2003

Materiale digitalizzato e stampato e messo a disposizione dall’associazione Villa Caruso di Bellosguardo a Lastra a Signa in Toscana (dimora del grande tenore) e dal Peabody Institute of the Johns Hopkins University di Baltimora, Maryland negli USA. Con il patrocinio morale del MANN, del Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II e il supporto dell’associazione Passato e Futuro Onlus.

Convegno su Caruso il 29 novembre ore 15.30, a cura del Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II, in sede a Napulitanata.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE