Campi Flegrei, Curcio: “Già ispezionato circa 26% degli edifici di Pozzuoli”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nell’area dei Campi Flegrei, “la Protezione civile sta effettuando già da qualche anno un’attività di ricognizione della vulnerabilità dell’edificato, con il centro Plinius, che ha già ha dato una preziosa base conoscitiva per un totale di 4mila edifici ispezionati, che è circa il 26% dell’intera popolazione degli edifici del Comune di Pozzuoli, e che è stimata a oggi a 15mila immobili residenziali”.

Così Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento della Protezione civile, in audizione alla Commissione Ambiente alla Camera sul fenomeno del bradisismo nei Campi Flegrei. “Ovviamente – ha spiegato – è una valutazione speditiva, più speditiva di quella che andremo a fare nell’area bradisismica delimitata”.

“Il Servizio nazionale di protezione civile, nella sua ampia rappresentazione, si rende disponibile e utile per contribuire a scelte che non sono di protezione civile ma che poi lo diventano nel momento in cui non sono in linea e rispettose dell’utilizzo del suolo o dell’analisi dei rischi. Il sistema di protezione civile in una logica moderna dovrebbe essere considerato come supporto a scelte”.

    Lo ha detto Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento di Protezione civile, ascoltato in Commissione Ambiente alla Camera sul fenomeno del bradisismo nei Campi flegrei sottolineando che “il tema è che noi non entriamo nelle dinamiche urbanistiche e territoriali.

    Sto parlando di decenni in cui sul territorio nazionale sono state fatte delle scelte urbanistiche e territoriali che hanno consentito di trovarci oggi ad affrontare una situazione del genere”.

    Curcio ha evidenziato che “a fronte di molte e diffuse aree del territorio nazionale che sono esposte, anche in maniera rilevante e a diverse tipologie di rischi di protezione civile, il Sistema spesso è chiamato a intervenire con urgenza nel momento in cui si verifica qualche cosa, anche se in qualche modo le dinamiche operative potevano tenere conto del rischio presente”.

    In quest’ottica i Campi flegrei – ha sottolineato il capo del Dipartimento della Protezione civile – “diventano un caso davvero particolare perché non parliamo di eventi di tre secoli fa, ma di eventi accaduti nel 1970, nel 1980 e che dunque risalgono anche nella memoria non solo storica ma anche contemporanea della popolazione.

    Ripercorrere nuovamente un’azione che è già stata effettuata – ha concluso – ci pone nella possibilità di ribadire che il Sistema di protezione civile dovrebbe essere tenuto in conto anche in altri tipi di pianificazione nel momento in cui si fanno sul territorio scelte urbanistiche o di uso del suolo”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

    Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    San Tammaro, sequestrato autocarro con rifiuti pericolosi

    Operazione delle forze dell'ordine nel comune di San Tammaro (CE) ha portato al sequestro di un autocarro Fiat Iveco sospetto di trasporto illegale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE